Sei in: Home » Articoli

Ministero del lavoro: co.co.pro. alla luce della Riforma Fornero

Call center lavoro impiegati
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con circolare n. 29 dell'11 dicembre 2012, fornisce chiarimenti interpretativi in relazione alle novità introdotte dalla legge n. 92/2012, intervenuta a modificare, tra l'altro, la disciplina delle collaborazioni coordinate e continuative a progetto intoducendo alcune restrizioni finalizzate a contrastare un utilizzo non corretto dell'istituto.

Il Dicastero, ricordando che le novità introdotte dalla riforma del lavoro trovano applicazione esclusivamente per i contratti di collaborazione stipulati successivamente al 18 luglio 2012 (data di entrata in vigore della L. n. 92/2012), illustra i requisiti del progetto che deve essere "funzionalmente collegato ad un determinato risultato finale" obiettivamente verificabile e idoneo a realizzare uno specifico e circoscritto interesse del committente. Il progetto - si legge nella circolare - non può consistere in una mera riproposizione dell'oggetto sociale del committente, cioè pur potendo rientrare "nel ciclo produttivo dell'impresa", deve essere caratterizzato da una autonomia di contenuti e obiettivi e non può comportare lo svolgimento di compiti meramente esecutivi o ripetitivi essendo necessario che dalle modalità di svolgimento della prestazione, non emergano i caratteri dell "routinarietà" o "elementarietà".

Il Ministero, indica poi, a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, sulla base di orientamenti giurisprudenziali già esistenti, quelle attività difficilmente inquadrabili nell'ambito di un genuino rapporto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto come "addetti alla distribuzione di bollette, giornali, riviste ed elenchi telefonoci; addetti alle agenzie ippiche; addetti alle pulizie; autisti e autotrasportatori; baristi e camerieri; commessi e addetti alle vendite; custodi e portiri; estestiste e parrucchieri; facchini; istruttori di autoscuola; letturisti di contatori; magazzinieri; manutentori; muratori e qualifiche operaie dell'edilizia; piloti e assistenti di volo; prestatori di manopera nel settore agricolo; addetti alle attività di segreteria e terminalisti; addetti alla somministrazione di cibi e bevande; prestazioni rese nell'ambito di call center per servizi in bound".

Precisazioni da parte del Ministero anche in merito al copenso minimo del lavoratore a progetto che va individuato dalla contrattazione collettiva e ai profili sanzionatori nel caso di "assenza del progetto" ovvero qualora lo stesso sia carente dei requisiti indicati.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/12/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF