Sei in: Home » Articoli

Cassazione: è reato lasciare il cane in auto

cane fido
La terza sezione penale della Corte di Cassazione ha depositato il 16 novembre scorso una sentenza che si può definire storica e che non potrà non vedere gli animalisti soddisfatti per la presa di posizione della giustizia nei confronti dei diritti degli animali. Gli ermellini hanno infatti sancito che, a certe condizioni, lasciare il cane chiuso in auto è una vera e propria azione di maltrattamento che va punita e hanno così respinto il ricorso presentato da una donna che era stata condannata a una multa di mille euro dal Tribunale di Torre Annunziata, nella Sezione di distaccata di Sorrento.
Questi i fatti.
M.T.G. aveva lasciato il proprio cane nell'auto con i finestrini chiusi durante una giornata calda e soleggiata. Qualcuno aveva segnalato alla polizia locale lo stato dell'animale e c'era stato dapprima l'intervento di un vigile urbano e in seguito quello di un veterinario per verificare le condizioni di salute del cane. Subito denunciato il comportamento della signora, nell'aprile del 2011 era comparsa dinnanzi al giudice di Sorrento che l'aveva condannata al pagamento di una multa di mille euro per abbandono e crudeltà nei confronti del cane. M.T.G. si è opposta alla decisione del Tribunale e ha presentato ricorso alla suprema Corte. 

Non è la prima volta che la Cassazione affronta questioni di questo genere, ma anche in questa occasione la terza sezione penale ha confermato la sentenza di condanna.

Come si legge in sentenza (la n.44902 /2012) “Il giudice del merito ha esposto in maniera assolutamente coerente il proprio percorso argomentativo a sostegno della condanna dell'imputata per maltrattamento di animali”.

La Corte con riferimento alla fattispecie richiama quanto emerso nel corso del giudizio dove si è dimostrato che il rinvenimento dell'animale era avvenuto in una giornata dal clima particolarmente caldo e che nell'auto vi era la presenza di numerosi escrementi. Anche il veterinario intervenuto, aveva fatto notare che la situazione dell'animale denotava una particolare crudeltà del padrone nei suoi confronti perché è del tutto innaturale per un cane ritrovarsi in un ambiente tanto ristretto senza ricambio d'aria ed esposto al caldo. Ciò può avergli provocato un particolare stato di ansia e di stress che ha causato anche la presenza di numerosi escrementi in auto. 

Viste le circostanze il ricorso della signora M.T.G. è stato respinto ed è dunque stata confermata la sua colpevolezza del reato di maltrattamento sugli animali, così come la multa di mille euro da versare alla Cassa delle Ammende.


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/11/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF