Sei in: Home » Articoli

Cassazione: è ingiuria rivolgersi a qualcuno dicendo “non hai le palle”

mediazione lite
Si fa presto a dire “Non hai le palle”. Ma per una frase del genere si rischia una condanna penale per ingiuria. Parola di Cassazione. Nel caso preso in esame dal palazzaccio, la frase ingiuriosa era stata pronunciata da un giudice di pace durante una accesa discussione con un suo cugino avvocato. Il caso era finito nelle aule di giustizia ma dopo una condanna in primo grado, la sentenza veniva riformata in appello sulla base del rilievo che una simile espressione, magari poco felice, non avesse una carica offensiva specie perchè pronunciata nel contesto di una contesa familiare. Contro la sentenza assolutoria (perché “il fatto non sussiste”) l'avvocato offeso si è rivolto alla suprema Corte che, con sentenza n. 30719 del 31 luglio 2012 ha accolto il suo ricorso annullando con rinvio la sentenza impugnata. "Nel caso in esame - affermano i giudici di legittimità - a parte la volgarità dei termini utilizzati, l'espressione ha una evidente e obiettiva valenza ingiuriosa, atteso che con essa si vuole insinuare non solo, e non tanto, la mancanza di virilità del destinatario, ma la sua debolezza di carattere, la mancanza di determinazione, di competenza e di coerenza, virtù che, a torto o a ragione, continuano ad essere individuate come connotative del genere maschile.". Inoltre, si legge nella sentenza, la frase fu pronunciata in contesto lavorativo (ufficio giudiziario), a voce alta ed udibile anche da terze persone.
"In tali circostanze il pericolo di lesione della reputazione non poteva essere aprioristicamente escluso sulla base una pretesa “evoluzione” del linguaggio e volgarizzazione delle modalità espressive.".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/08/2012 - L.S.)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF