Sei in: Home » Articoli

Federconsumatori, nel 2012 aumenti per +2,103 euro a famiglia

euro
L'ONF, Osservatorio Nazionale Federconsumatori, ha reso note alcune stime riguardanti gli aumenti complessivi nei prezzi e nelle tariffe che le famiglie subiranno nel 2012: si parla di una quota di +2,103 euro per ogni nucleo familiare, una cifra stratosferica se si considera che l'appena chiuso 2011 è stato già particolarmente pesante a motivo degli aumenti dei carburanti, dell'aumento dell'IVA e della crescita generale di prezzi e tariffe. Tra i dati più allarmanti, forniti dall'ISTAT, ci sono quelli che riguardano i generi alimentari, che dovrebbero subire una flessione del +7% con un aumento pro-capite di 392 euro, seguiti dalle spese carburante, in aumento di 192 euro, le tariffe in generale, di gas, elettricità, acqua e rifiuti, tutte in salita, e, non ultimo, l'aumento medio di 405 euro per la prima casa con l'IMU, Imposta Municipale Unica, che ha preso il posto dell'ICI. Secondo il comunicato stampa pubblicato sul sito di Federconsumatori, questi ulteriori cambiamenti non faranno altro che alimentare il clima di incertezza e di crisi dei consumi, considerando che per far fronte alle nuove spese i cittadini dovranno per forza di cosa investire meno sul superfluo, con conseguenze e ripercussioni negative sull'intera economia nazionale. Secondo Rosario Trafiletti, presidente di Federconsumatori, ed Elio Lannutti, presidente di Adusbef, tra i “buoni propositi” del Governo per il nuovo anno dovrebbero esserci la ripresa della domanda di mercato, liberalizzazioni e investimenti per l'innovazione e lo sviluppo tecnologico.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/12/2011 - N.R.)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF