Sei in: Home » Articoli

Cassazione: cercare l'auto rimossa è motivo di grande stress. Si al risarcimento del danno

Adesso lo riconosce pure la Cassazione: cercare l'auto rimossa è motivo di grande stress. Risale a pochi giorni fa la sentenza della Corte di cassazione con cui i giudici di legittimità hanno riconosciuto un risarcimento del danno da “stress per la ricerca della macchina” di 200 euro in favore di una signora che, in seguito alla illegittima rimozione del suo autoveicolo, in quanto la multa era stata effettuata da ausiliare del traffico privo di delega del sindaco, aveva subito una serie di conseguenze sgradevoli (ricerca della macchina, pagamento per il riscatto dell'autoveicolo rimosso) per ricercare la sua automobile.
La donna, che all'epoca dei fatti si trovava in stato di gravidanza, aveva parcheggiato sulle strisce pedonali, pertanto, l'auto era stata rimossa sulla base della contestazione fatta dall'ausiliare, però, privo di delega del sindaco. La Corte, investita della questone, ha accolto la tesi prospettata dal giudice di pace, a cui si era rivolta la donna per far valere l'illegittimità del verbale. In particolare i giudici di Piazza Cavour, a fronte del ricorso dell'Amat di Palermo (con cui veniva eccepita “l'apoditticità del risarcimento del danno basata sulla mera, non riscontrata affermazione dello stress subito nella ricerca della vettura rimossa)”, hanno spiegato che “l'affermazione che la ricerca del proprio veicolo rimosso provochi stress non può affatto dirsi del tutto ingiustificata alla luce della comune esperienza”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF