Sei in: Home » Guide Legali » Procedura Civile » Atti preliminari all'esecuzione

Atti preliminari all'esecuzione

Seguici su Facebook e su G. Plus
Guida di procedura civile

Nel processo di esecuzione vi sono alcuni atti che, pur qualificandosi come esecutivi perché la loro funzione si ricollega al processo, devono tuttavia essere compiuti prima dell'inizio del processo stesso.

Proprio per tale ragione, ci si riferisce ad essi come ad atti “preliminari o preparatori”.

Individuazione degli atti preliminari

Ad individuare gli atti preliminari all'esecuzione è l'articolo 479 del codice di procedura civile, il quale sancisce chiaramente che, a meno che la legge non disponga diversamente, l'esecuzione forzata deve essere preceduta dalla notificazione al debitore di due diversi atti, ovverosia:

La notificazione del titolo esecutivo va fatta alla parte personalmente.

Il precetto può essere redatto di seguito al titolo esecutivo ed essere notificato unitamente a questo, purché la notificazione sia fatta alla parte personalmente.

Funzione degli atti preliminari

Gli atti preliminari all'esecuzione, in sostanza, hanno la funzione di preannunciare al debitore il proposito del creditore di procedere ad esecuzione forzata e gli forniscono in tal modo, da un lato, la possibilità di adempiere spontaneamente la propria obbligazione evitando l'esecuzione e le relative spese e, dall'altro lato, la possibilità di conoscere gli elementi dell'esecuzione preannunciata e di contestarne eventualmente la legittimità.

Di conseguenza, la notifica di tali atti costituisce una condizione di procedibilità dell'azione che, se manca, legittima il debitore ad opporsi all'esecuzione.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss