Divorzio: mantenere in via esclusiva il figlio esonera dall'assegno alla ex

Per il Tribunale di Roma tale assunto è vero specie se l'altro coniuge non dimostra l'impossibilità di mantenere da solo il vecchio tenore di vita
separazione
di Valeria Zeppilli – Talvolta essere l'unico genitore a mantenere il figlio non autosufficiente può far venire meno l'obbligo di versare anche l'assegno divorzile all'ex coniuge con reddito più basso.

Specie se quest'ultimo non riesca a dimostrare di non essere in grado, autonomamente, di mantenere il vecchio tenore di vita, modesto, che godeva durante il matrimonio.

Recentemente, infatti, il Tribunale di Roma, nel dichiarare la cessazione degli effetti civili di un matrimonio, ha negato alla moglie il mantenimento da parte dell'ex marito.

Come stabilito, in particolare, con la sentenza numero 696 del 2015, il fatto che l'uomo fosse l'unico a sostenere economicamente il figlio della ex coppia, non in grado di gestirsi autonomamente, è da ritenersi un contributo sufficiente a regolamentare in generale i rapporti patrimoniali tra i coniugi.

Oltretutto la donna non era stata neanche in grado di provare che i suoi redditi non erano sufficienti a permetterle di procurarsi il modesto tenore di vita che, insieme al marito, aveva durante il legame coniugale.

Con la medesima sentenza, peraltro, non è stata neanche confermata la pattuizione, presente negli accordi di separazione, in forza della quale l'uomo si sarebbe dovuto far carico anche dell'intera rata del mutuo della casa coniugale, che a lui era stata assegnata.

Per il tribunale, infatti, tale previsione può essere esclusivamente oggetto di pattuizione tra gli ex coniugi in sede consensuale, ma non può essere disposta dal giudice, il quale ha il solo potere di regolamentare gli aspetti economici della cessazione degli effetti civili del matrimonio.


Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(05/02/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Gli avvocati sono davvero così bravi anche a letto?
» Insidie stradali: va risarcito il pedone che inciampa sul 'basolo' sconnesso
» Qualche volta è anche lei a dover mantenere l'ex marito!
» Mantenimento: la patente per il figlio è spesa necessaria e non va concordata
» La compiuta giacenza

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin