Avvocati in fuga: in ottomila lasciano la toga. Sono "i nuovi poveri"

Per Cassa Forense, la colpa non è solo della crisi e del sovrannumero, ma anche delle grandi assicurazioni che non pagano i legali come dovrebbero
uomo che mostra le tasche vuote

di Marina Crisafi – "C'è crisi, c'è grossa crisi" diceva Corrado Guzzanti nei panni del profeta Quelo nel Pippo Chennedy Show. Una crisi che colpisce chiunque e che, negli ultimi anni, ha intaccato la categoria degli avvocati aumentando il numero di coloro che abbandonano l'attività e meritandosi l'appellativo di "nuovi poveri".

Sono almeno ottomila quelli che nel 2015 hanno dismesso la toga, non rinnovando l'iscrizione alla Cassa Forense, spiega all'Agi, il presidente dell'ente Nunzio Luciano. E se a qualcuno il numero può sembrare esiguo, contro i 240mila professionisti del foro esistenti in Italia, gli altri non stanno certo meglio. Certo negli 8mila in fuga "sono comprese molte persone che hanno sempre avuto un altro impiego principale – ma – resta il fatto che la cifra è elevatissima" e il futuro non è certo roseo, perché sono "oltre 80mila gli avvocati che hanno un reddito da fame" continua Luciano.

Tra i più colpiti ci sono i giovani professionisti e le donne, con redditi dimezzati rispetto ai colleghi uomini, ma a soffrire iniziano anche le fasce intermedie, soprattutto se non specializzate.

Di chi è la colpa? La crisi certo gioca la sua parte, "i contenziosi hanno costi altissimi – spiega ancora il presidente e trascinare qualcuno in tribunale è ormai un lusso. Ma i fattori sono anche altri: "l'avvocato d'ufficio – ad esempio – viene pagato pochissimo", per non parlare degli anni che servono per essere pagati. Tuttavia, a detta di Luciano, un altro problema è rappresentato dalle "grandi assicurazioni che non retribuiscono il legale in base a parametri di minimo perché non esistono più. La retribuzione è ridotta all'osso a scapito della qualità".

(22/01/2016 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Guida legale sull'assegno di mantenimento
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora"
» Carte di credito: occhio alla truffa del codice Cvv
» Ddl crocifisso: fino a mille euro di multa per chi si rifiuta di esporlo

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF