Eccesso di velocità: la multa è valida anche se il verbale non indica il punto esatto dell'infrazione

Ai fini della validità della contestazione è sufficiente la sola indicazione di comune e via della violazione

di Valeria Zeppilli – La Corte di cassazione, con la sentenza numero 463/2016 (qui sotto allegata), ha recentemente precisato che non è indispensabile che il verbale con il quale viene contestata un'infrazione del codice della strada indichi il punto esatto in cui questa si è verificata. 

Per i giudici, piuttosto, è sufficiente che vengano indicati comune e via in cui è stata commessa la violazione.

Nel caso di specie un automobilista aveva contestato una multa proprio perché in essa si era fatto generico riferimento alla via senza indicare né il numero civico né il chilometro in cui egli avrebbe superato i limiti di velocità.

L'uomo, in particolare, riteneva che, in ragione di ciò, la contravvenzione avesse violato l'articolo 200 del codice della strada, in base al quale il verbale deve contenere l'indicazione esatta della località in cui è avvenuta l'infrazione.

Ma le sue ragioni non hanno trovato accoglimento, neanche dinanzi alla Cassazione.

I giudici di legittimità, infatti, hanno a tal proposito evidenziato che il verbale di contestazione deve contenere gli estremi dettagliati e precisi della violazione, relativi a ora, giorno e località.

L'obiettivo è quello di garantire l'esercizio del contraddittorio da parte del presunto contravventore.

Dinanzi a tali indicazioni, sono prive di fondamento le lamentele relative alla mancata indicazione del numero civico, peraltro in assenza di prova circa le caratteristiche del luogo e il sito esatto in cui si trovava il veicolo, volta a escludere l'infrazione.

Insomma: dinanzi a un rapporto in cui è stato specificato che si trattava di un tratto di strada provinciale, posto al di fuori del centro abitato, privo di numerazione civica e di indicazioni ettometriche, le contestazioni dell'automobilista non possono trovare accoglimento.

Corte di cassazione testo sentenza numero 463/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora"
» Le 5 cose da fare prima di dire a tuo marito (o a tua moglie) che ti vuoi separare
» Whatsapp, addio privacy: i dati saranno ceduti a Facebook
» Parchimetro rotto: come evitare la multa?
» Pacca sul sedere: è reato se la mano rimane sul lato B

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF