Rapporti padre-figlio: la competenza non è necessariamente del tribunale dei minori

Se è già pendente una causa per la modifica delle condizioni di separazione dinanzi al tribunale ordinario, la competenza è di quest'ultimo
divorzio figli separazione

di Valeria Zeppilli – Come noto, la legge numero 219/2012 ha introdotto una parziale riforma del diritto di famiglia, modificando, tra le altre cose, anche le previsioni dell'articolo 38 delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile in materia di competenza del giudice nei procedimenti relativi all'interesse dei minori

Proprio sulla base di tali previsioni, nonché della più recente giurisprudenza di legittimità, la Corte di cassazione, con l'ordinanza numero 432/2016 depositata il 14 gennaio (qui sotto allegata), ha affermato che se tra due coniugi è in corso una causa per la modifica delle condizioni di affido del figlio, è inutile rivolgersi anche al tribunale dei minori.

Il superiore interesse del minore, infatti, non si rinviene nella concomitanza di provvedimenti relativi alla responsabilità genitoriale contraddittori e contrastanti, provenienti da organi giudiziari diversi.

L'obiettivo, peraltro, è anche quello di evitare che la proposizione di nuove istanze sia uno strumento volto soltanto a spostare la competenza del processo.

Nel caso di specie, una donna, nel corso del procedimento di modifica delle condizioni di separazione personale, instaurato presso il tribunale ordinario, aveva adito il tribunale dei minori per ottenere l'emissione di provvedimenti ablativi della responsabilità genitoriale dell'ex coniuge.

Ma per la Cassazione, sulla base di quanto sopra riportato, tale richiesta non può permettere che il procedimento si instauri dinanzi a un organo diverso.

Sarà sempre il tribunale ordinario, quindi, a giudicare anche dei rapporti tra il padre e il figlio.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 432/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(17/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Le 5 domande che un avvocato non dovrebbe mai porre a un testimone
» Muro al confine: le regole del codice civile
» Il reato di concussione
» Il testimone è il tuo peggior nemico? Ecco come sconfiggerlo!
» Divorzi: in aumento per colpa della dieta e della cucina di mammà!

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin