Niente riduzione dell'assegno solo perché il coniuge ha ricevuto in eredità la casa paterna

Tale circostanza non è sufficiente a rideterminare l'ammontare, specie se il patrimonio del beneficiario è risibile rispetto a quello dell'onerato
coniugi in crisi seduti con cuore spezzato in mano

di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 770/2015, la Corte di appello de L'Aquila ha sancito che non è possibile ridurre un assegno di mantenimento solo in ragione del fatto che l'ex coniuge è nudo proprietario della casa dei genitori.

Ad aver tentato di veder ridotta la somma da versare mensilmente alla ex moglie, nel caso di specie, è stato un uomo che sperava di poter essere chiamato a corrispondere alla sua vecchia compagna di vita solo 520 euro invece di 1.500.

In effetti, nel caso di specie, la donna aveva ricevuto in eredità la casa paterna, ma tale circostanza non è stata ritenuta dai giudici sufficiente per accogliere le pretese dell'uomo.

L'ex marito, più nel dettaglio, aveva rilevato dinanzi ai giudici di non avere tutte le proprietà che il tribunale aveva considerato e posto alla base della determinazione dell'assegno. L'uomo, infatti, si era trovato costretto, a seguito della diminuzione dei suoi redditi, ad alienare parte del patrimonio.

Una simile circostanza, a detta dell'appellante, costituirebbe un pregiudizio per i figli, che vedranno il patrimonio del padre continuare a impoverirsi nel corso degli anni fino a che tutto quanto loro destinato in eredità sfumerà definitivamente.

Ma, per la Corte d'appello abruzzese, le pretese dell'uomo non possono trovare accoglimento.

Non vi è alcuna prova che le condizioni di salute dell'ex marito siano tali da aver menomato le sua capacità lavorative.

L'unica cosa certa, invece, è che nonostante la nuova proprietà della casa paterna, il patrimonio della donna rispetto a quello dell'ex marito è "risibile".

I 1.500 euro, insomma, le spettano tutti.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(17/01/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Trattare la moglie come una colf è reato ...
» Addio multa se manca la ricevuta che attesta la ricezione della CAD
» Il preliminare di immobile abusivo
» Remissione tacita di querela se la persona offesa avvertita dal giudice è assente in udienza
» Licenziato chi non controlla se il certificato di malattia è arrivato all'INPS

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin