Polizza infortuni: più di 5milioni le casalinghe “in nero”

Al fine di facilitare i pagamenti e ridurre l'evasione introdotta nuova modalità di versamento con PagoPa
DOMESTICA COLF casalinga pulizia pulire

di Marina Crisafi - Dal primo gennaio scorso, il pagamento del premio per la polizza per le casalinghe dovrà essere effettuato con "PagoPa". A comunicare la nuova modalità di pagamento dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici è l'Inail con la circolare n. 94/2015 (qui sotto allegata), al fine di superare i problemi riscontrati sinora con i pagamenti tramite home banking, che a detta dell'istituto hanno creato "molte difficoltà per l'attribuzione automatizzata del pagamento della singola persona assicurata".

Coloro che non utilizzano l'home banking o altre modalità di pagamento elettronico, spiega l'Inail, potranno continuare a versare il premio con il metodo tradizionale presso gli uffici postali.

Con il sistema PagoPa invece il pagamento sarà effettuato in via elettronica, tramite bonifico (bancario o postale), bollettino, ovvero a mezzo di bancomat, carte di credito e altri strumenti digitali che consentono anche l'addebito in conto corrente.

Rimane da vedere se la nuova modalità porterà a superare i dati dell'evasione che in questo campo rimane molto elevata. Nonostante, infatti la polizza riguardi poco più di 7milioni di persone, secondo i dati (risalenti a fine 2012) ad essere assicurati erano meno di un quarto, ossia circa 1.595.000 soggetti. E da allora, secondo le stime, il trend è sempre negativo con circa 200mila iscrizioni in meno all'anno.

La copertura assicurativa, si ricorda, è stata introdotta dalla legge n. 493/1999 e il premio ammonta a 12,91 euro annui.

Ad ottemperare all'obbligo del pagamento sono tutti i componenti del nucleo familiare, tra i 18 e i 65 anni d'età, che svolgono, in modo non occasionale, a titolo gratuito e senza vincolo di subordinazione, attività in ambito casalingo tese alla cura delle persone dello stesso nucleo e dell'ambiente domestico in cui le stesse dimorano.

Ad essere esonerati dal versamento del premio (poiché la spesa assicurativa è sostenuta dallo stato), sono i soggetti che percepiscono un reddito annuo individuale inferiore a 4.648,11 euro, e familiare inferiore a 9.296,22.

La polizza comprende, infine, tutti gli infortuni avvenuti (sia per causa violenta che virulenta) nell'espletamento e a causa dell'attività svolta in ambito domestico, a patto che dagli stessi sia derivata un'inabilità permanente al lavoro non inferiore al 27%.

Circolare Inail n. 94/2015
(08/01/2016 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora"
» Le 5 cose da fare prima di dire a tuo marito (o a tua moglie) che ti vuoi separare
» Whatsapp, addio privacy: i dati saranno ceduti a Facebook
» Parchimetro rotto: come evitare la multa?
» Pacca sul sedere: è reato se la mano rimane sul lato B

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF