Cassazione: l'assenza di procura alle liti non comporta l'inesistenza dell'atto di citazione

La sentenza eventualmente emessa all'esito di un giudizio così avviato è nulla e può passare in cosa giudicata
cassazione sentenza

di Valeria Zeppilli - L'assenza di procura alle liti ne comporta l'inesistenza. Tale inesistenza, tuttavia, non può estendersi all'atto di citazione

Come, infatti, ricordato dalla Corte di cassazione, con la sentenza numero 21533/2015, depositata il 22 ottobre (qui sotto allegata), la procura alle liti non costituisce un requisito essenziale dell'atto di citazione, in quanto essa non è ricompresa nell'elenco dei requisiti che determinano la nullità della citazione, stilato dall'articolo 164 c.p.c..

L'atto di citazione che sia privo della procura, quindi, può comunque introdurre il processo e sollecitare la decisione del giudice sulla controversia.

Per i giudici, però, la sentenza che venga eventualmente emessa a conclusione di un processo che sia stato introdotto in tal modo, pur non essendo inesistente è nulla, difettando di un presupposto processuale necessario alla valida costituzione del giudizio.

Sul piano delle conseguenze, ciò vuol dire che, in ragione del principio di conversione dei motivi di nullità in motivi di impugnazione, la pronuncia, se non impugnata tempestivamente, è suscettibile di passare in cosa giudicata.

I rimedi dell'actio nullitatis o dell'exceptio nullitatis, infatti, possono essere esperiti solo in caso di sentenza inesistente.

Proprio in ragione di tali argomentazioni, la Cassazione ha accolto il ricorso sottoposto alla sua attenzione e cassato l'ordinanza impugnata, con conseguente rinvio ad altra sezione della Corte d'appello affinché provveda ai sensi dell'articolo 182, comma 2, c.p.c..

Tale disposizione, si ricorda, prevede che il giudice, quando rileva un difetto di rappresentanza, di assistenza o di autorizzazione o un vizio che determina la nullità della procura al difensore, è chiamato ad assegnare alle parti un termine perentorio “per la costituzione della persona alla quale spetta la rappresentanza o l'assistenza, per il rilascio delle necessarie autorizzazioni, ovvero per il rilascio della procura alle liti o per la rinnovazione della stessa”.

Se il termine viene osservato, i vizi sono sanati e gli effetti della domanda, sia processuali che sostanziali, si producono sin dalla prima notificazione. 
Corte di cassazione testo sentenza numero 21533/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(25/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF