Avvocatura

Giurisprudenza: 4+1 per diventare avvocati e numero chiuso. Ecco la nuova laurea

Due le tipologie di corso e 6 mesi di praticantato durante gli studi
praticanti, Italia, Riforma Forense, Francia, Romania, Spagna, studi legali, esame avvocato, mancata retribuzione, sfruttamento

di Marina Crisafi - Aspiranti avvocati si cambia. Per chi, infatti, vuole intraprendere la professione sarà necessario scegliere il 4+1, altrimenti basterà il 3+2. Queste le modifiche sostanziali che si apprestano a cambiare il volto dei futuri corsi di laurea in giurisprudenza, come previsto dalla bozza di decreto predisposta dal Miur e già condivisa con la comunità scientifica.

Niente ciclo unico e due i corsi in sostanza: 3+2 con meno crediti formativi “vincolati” (a favore di quelli “liberi”), maggiori ambiti interni per costruire il personale percorso di studi e biennio specialistico con nuove discipline a vocazione “territoriale” e aperte alle reali esigenze di mercato; 4+1 per chi, invece, vuole intraprendere la carriera di avvocato o notaio, con numero “chiuso” per l'ultimo anno (quello della specializzazione al termine dei 4 anni), oltre alla possibilità di effettuare 6 dei 18 mesi di pratica necessari durante il corso di studi, come prevede la legge professionale forense (l. n. 247/2012).

Minimo comune denominatore ad entrambi i percorsi universitari sarà la maggiore “specializzazione”: non più, dunque, formazione teorica e generalista, ma spazio ad un'offerta specifica in linea con le esigenze attuali del mercato del lavoro, in un'ottica di internazionalizzazione e anche di scambi culturali, soprattutto comunitari.

Il provvedimento arriverà in questi giorni sul tavolo di lavoro del Miur e dovrà essere esaminato e condiviso anche dal ministero della Giustizia.

(07/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF