Sei in: Home » Articoli

TFR: il Fondo di garanzia opera anche se il datore di lavoro non è stato dichiarato fallito

È tuttavia necessario tentare preventivamente il recupero del credito attraverso l'esecuzione forzata
inps id13745

di Valeria Zeppilli – Come noto, presso l'INPS è istituito un apposito fondo che garantisce il lavoratore che abbia diritto al T.F.R. dal mancato pagamento dello stesso da parte del datore di lavoro.

Non altrettanto noto, però, è che tale fondo opera non solo in caso di insolvenza dovuta a fallimento del datore di lavoro, ma anche laddove la dichiarazione di fallimento non sia intervenuta.

A chiarirlo per la prima volta è stata la sentenza della Corte di cassazione numero 7595 del primo aprile 2011.

Ciò con la specificazione che, in ogni caso, è necessario preventivamente tentare di soddisfare il credito attraverso l'esecuzione forzata e che può ricorrersi al Fondo solo laddove tale procedura sia risultata insufficiente.

Più recentemente il principio è stato ribadito dalla sentenza della Cassazione numero 15369 del 4 luglio 2014 che ha confermato che l'insolvenza del datore di lavoro in danno del dipendente che, cessato il proprio rapporto, abbia diritto al T.F.R. è coperta dal Fondo di garanzia anche se tecnicamente non sia stato dichiarato il suo fallimento.

Ma è con la sentenza numero 1607 del 28 gennaio 2015 che i giudici di legittimità hanno definitivamente consacrato il loro orientamento, stabilendo che: “ai fini della tutela prevista dalla legge n. 297 del 1982 in favore del lavoratore, per il pagamento del TFR, in caso di insolvenza del datore di lavoro, il lavoratore può conseguire le prestazioni del Fondo di garanzia presso l'INPS, anche se il datore di lavoro non sia in concreto assoggettato a fallimento (in relazione anche all'ipotesi di esiguità del credito azionato), essendo sufficiente che lo stesso lavoratore abbia esperito infruttuosamente una procedura di esecuzione, salvo che risultino altre circostanze le quali dimostrino che esistono altri beni aggredibili con l'azione esecutiva”.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF