Sei in: Home » Articoli

Mobbing: la condanna non comporta necessariamente il risarcimento del danno alla professionalità

Se il dipendente ha trovato un nuovo lavoro qualificante tanto quanto il precedente non sussistono i presupposti per riconoscere anche questa voce di danno
burocrazia carteggio stress mobbing

di Valeria Zeppilli – Se il dipendente ha trovato un nuovo lavoro che sia qualificante tanto quanto il precedente, non è contraddittorio da parte dei giudici condannare il vecchio datore di lavoro solo per mobbing e non anche per danno alla professionalità.

A stabilirlo è la Corte di Cassazione con la sentenza numero 16690 depositata l'11 agosto 2015 (qui sotto allegata).

Nel caso di specie, dopo aver rassegnato le proprie dimissioni per giusta causa, in conseguenza di trattamenti vessatori posti in essere dal proprio superiore gerarchico e sulla base dei quali quest'ultimo era stato poi condannato per mobbing, la ricorrente aveva, in un primo momento, trovato un impiego per lei poco soddisfacente, ma, poi, si era collocata su una nuova posizione di lavoro con trattamento economico e livello di inquadramento definitivo non inferiori rispetto a quelli della posizione che ricopriva alle dipendenze del vecchio datore di lavoro.

In presenza di un nuovo lavoro adeguato alle competenze della lavoratrice, quindi, già la Corte di Appello aveva ritenuto non sussistente un danno alla professionalità che potesse aggiungersi al riconosciuto mobbing. Ciò, peraltro, anche in considerazione del fatto che la lavoratrice aveva oltretutto percepito l'indennità di preavviso.

La Corte di cassazione, con la sentenza in commento, si è associata a tale ragionamento e ha rigettato le censure della ricorrente, in quanto non idonee sotto questo aspetto a invalidare la decisione impugnata.

Vedi allegato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/08/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF