Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nessuna decorrenza anticipata per la riduzione dell'assegno di mantenimento

La nuova misura non può partire dal momento in cui si è verificato il fatto sopravvenuto, ma dal provvedimento che modifica le precedenti statuizioni
coppia divorzio separazione coniugale mantenimento

di Marina Crisafi - È dalla data del provvedimento di modifica che decorre la riduzione dell'assegno di mantenimento, la quale non può avere data anteriore. Lo ha stabilito la Cassazione, con sentenza n. 16173/2015 (qui sotto allegata), accogliendo, in parte, il ricorso di un'ex moglie avverso la sentenza della Corte d'Appello di Napoli che aveva ridotto l'assegno disposto a carico dell'ex marito, con decorrenza anteriore alla stessa proposizione della domanda.

Nella vicenda, l'uomo a causa dell'intervenuto licenziamento e dell'impossibilità, per le sue condizioni di salute, di trasferirsi in altra città per mantenere il rapporto di lavoro, aveva chiesto la modifica delle condizioni di separazione consensuale con le quali era stato stabilito un assegno a suo carico e a favore dell'ex moglie. Rigettate dal Tribunale di Napoli che aveva ritenuto insussistenti le circostanze sopravvenute ai fini della revoca o della riduzione dell'assegno, le sue istanze venivano accolte in appello con decorrenza anticipata della nuova misura.

La moglie ricorreva pertanto in Cassazione e per il Palazzaccio in parte ha ragione.

In materia di revisione dell'assegno hanno affermato infatti i giudici di legittimità “il diritto a percepirlo di un coniuge ed il corrispondente obbligo a versarlo dell'altro, nella misura e nei modi stabiliti dalla sentenza di separazione o dal verbale di omologazione, conservano la loro efficacia, sino a quando non intervenga la modifica di tale provvedimento, rimanendo del tutto ininfluente il momento in cui di fatto sono maturati i presupposti per la modificazione o la soppressione dell'assegno, con la conseguenza che, in mancanza di specifiche disposizioni, in base ai principi generali relativi all'autorità, intangibilità e stabilità, per quanto temporalmente limitata ("rebus sic stantibus"), del precedente giudicato impositivo del contributo di mantenimento, la decisione giurisdizionale di revisione non può avere decorrenza anticipata al momento dell'accadimento innovativo, rispetto alla data della domanda di modificazione”.

Per cui, la S.C. ha cassato il decreto impugnato fissando la decorrenza della nuova misura dell'assegno determinata in appello dalla data della domanda.

Cassazione sentenza n. 16173/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Reato per il praticante che si spaccia per avvocato
» Basta la diffida per interrompere l'usucapione?
In evidenza oggi.
Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
Lavoro: la pausa caffè non è reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF