Sei in: Home » Articoli

Nuovi criteri di tassazione IVA su applicazioni, musica ed ebook.

nuove regole per la tassazione iva sui servizi elettronici quando il prestatore è un soggetto passivo stabilito in un altro Stato dell'Unione
iva id9618.png
A partire dal primo gennaio 2015, in ottemperanza alla direttiva 2008/8/CE, troveranno applicazione nuove regole per la tassazione iva sui servizi elettronici quando il prestatore è un soggetto passivo stabilito in un altro Stato dell'Unione

In attesa del decreto legislativo che dovrebbe recepire nell'ordinamento interno le nuove norme di matrice comunitaria, ecco in breve le principali novità. 
Sia i soggetti passivi, che oggi assoggettano ad iva con inversione contabile i servizi ricevuti dall'estero, sia i consumatori privati, dovranno pagare l'iva applicando l'aliquota vigente nel loro Paese

Il principio fondamentale che informa la citata direttiva è che l'iva è una tassa sui consumi e per questo è dovuta nello Stato in cui il servizio è fruito

In concreto, un consumatore che scarica a pagamento sul suo smartphone un'app il cui fornitore è stabilito ad esempio a Lussemburgo paga oggi l'imposta del 15% vigente in quello Stato mentre dal primo gennaio l'aliquota iva sarà del 22%, ossia quella vigente in Italia

Altra novità in arrivo è l'istituzione di un regime speciale che consente alle imprese che operano in Stati membri in cui non sono stabilite di avere un mini sportello unico, cioè un punto unico di contatto elettronico per tutti gli adempimenti relativi all'iscrizione, alla dichiarazione e al pagamento dell'iva.

La nuova interfaccia elettronica è denominata Mini One Stop Shop.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/12/2014 - G.C.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF