Codice della strada - Art. 77. Controlli di conformitÓ┬á al tipo omologato.

Indice codice della strada commentato

"Nuovo codice della strada", decreto legisl. 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni.

TITOLO III - DEI VEICOLI

Capo III - VEICOLI A MOTORE E LORO RIMORCHI

Sezione I - NORME COSTRUTTIVE E DI EQUIPAGGIAMENTO E ACCERTAMENTI TECNICI PER LA CIRCOLAZIONE

Art. 77. Controlli di conformitÓ┬á al tipo omologato.

1. Il Ministero dei trasporti ha facoltÓ┬á di procedere, in qualsiasi momento, all'accertamento della conformitÓ┬á al tipo omologato dei veicoli a motore, dei rimorchi e dei dispositivi per i quali sia stata rilasciata la relativa dichiarazione di conformitÓ┬á. Ha facoltÓ┬á, inoltre, di sospendere l'efficacia della omologazione dei veicoli e dei dispositivi o di revocare l'omologazione stessa qualora dai suddetti accertamenti di controllo risulti il mancato rispetto della conformitÓ┬á al tipo omologato.

2. Con decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione, sentiti i Ministeri interessati, sono stabiliti i criteri e le modalitÓ┬á per gli accertamenti e gli eventuali prelievi di veicoli e dispositivi. I relativi oneri sono a carico del titolare dell'omologazione.

3. Chiunque produce o mette in commercio un veicolo non conforme al tipo omologato e' soggetto, se il fatto non costituisce reato, alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da Ç 849 a Ç 3.396.┬á

3-bis. Chiunque importa, produce per la commercializzazione sul territorio nazionale ovvero commercializza sistemi, componenti ed entita' tecniche senza la prescritta omologazione o approvazione ai sensi dell'articolo 75, comma 3-bis, e' soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da Ç 164 a Ç 664. E' soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da Ç 829 a Ç 3.316 chiunque commetta le violazioni di cui al periodo precedente relativamente a sistemi frenanti, dispositivi di ritenuta ovvero cinture di sicurezza e pneumatici. I componenti di cui al presente comma, ancorche' installati sui veicoli, sono soggetti a sequestro e confisca ai sensi del capo I, sezione II, del titolo VI.┬á

4. Sono fatte salve le competenze del Ministero dell'ambiente.

Indice codice della strada commentato

Spazio annotazioni, commenti, sentenze
art 77 codice della strada: Circolare n. 11310 del 12/08/2010:┬á"Al fine di evitare la diffusione di dispositivi di equipaggiamento non omologati, Ŕ stata introdotta una nuova ipotesi sanzionatoria con il comma 3-bis dell'art. 77 C.d.S., per punire chi importa, produce per la commercializzazione sul territorio nazionale, ovvero commercializza sistemi, componenti ed entitÓ tecniche senza la prescritta omologazione, o approvazione ai sensi dell'art. 75, c.3-bis, C.d.S.┬áL'entitÓ della sanzione Ŕ in funzione della tipologia di dispositivo o componente sopra citato: in generale, Ŕ prevista la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 155,00 a euro 624,00, che viene elevata da euro 779,00 a euro 3.119,00, quando si tratti di sistemi frenanti, dispositivi di ritenuta, cinture dý sicurezza o pneumatici. Per la successione delle leggi nel tempo, la previsione sanzionatoria di cui all'art. 172, commi 12 e 13, C.d.S., relativa ai soli dispositivi di ritenuta o cinture di sicurezza, Ŕ da ritenersi tacitamente abrogata.
I sistemi, i componenti e le entitÓ tecniche in questione, anche se installati sui veicoli, devono sempre essere sequestrati ai sensi dell'art. 213, C.d.S.┬áper la successiva confisca amministrativa. Sul piano pratico, si suggerisce, fermo restando le diverse disposizioni che potranno essere impartite in sede provinciale dalle rispettive Prefetture, di procedere al sequestro, con la materialmente sottrazione a chi lo detiene, del dispositivo non omologato o non approvato soltanto laddove ci˛ sia tecnicamente possibile senza pregiudizio per la sicurezza del veicolo e sia compatibile con i tempi e le modalitÓ del servizio. In ogni altro caso appare indispensabile procedere al sequestro amministrativo dell'intero veicolo, secondo le disposizioni dell'art. 213 C.d.S., avendo cura di evidenziare nel verbale che il sequestro Ŕ stato eseguito in funzione della necessitÓ di procedere alla confisca dei sistemi, componenti o entitÓ tecniche non omologati o non approvati che non possono essere facilmente rimossi dal veicolo stesso, senza pregiudizio per la sicurezza della circolazione medesimo. Resta ferma la possibilitÓ per l'interessato di chiederne il successivo dissequestro, procedendo, a sue spese, alla rimozione dei predetti sistemi o componenti. In tale caso, naturalmente, l'organo di polizia procedente dovrÓ redigere un nuovo verbale di sequestro, limitato ai dispositivi stessi."