Il Codacons contesta le politiche del governo per fronteggiare la crisi ed afferma che per aiutare le famiglie ad arrivare a fine mese sarebbe stato necessario ridurre la pressione fiscale in rapporto al Pil, e non certo aumentarla. L'associaizione dei consumatori evidenzia che la politica sino ad ora adottata ha portato alla conseuenza che "i consumi finali nazionali sono diminuiti in termini reali dell'1,2% e la spesa delle famiglie residenti hanno avuto una flessione dell'1,8%". "Il Governo - conclude Codacons - non ha salvaguardato il reddito disponibile e la capacita' di spesa degli italiani, come dimostra in modo inequivocabile il dato delle retribuzioni, diminuite dello 0,6%, aggravando cosi' la crisi in atto e ritardando la possibile ripresa".
Condividi
Feedback

(02/03/2010 - Notiziario)
In evidenza oggi:
» Rapporti genitori separati e figli: il vademecum degli avvocati civilisti
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!