Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

No al decreto ingiuntivo per la riscossione dei contributi condominiali nei confronti del precedente proprietario.

Condividi
Seguici

«in tema di condominio di edificio, in caso di alienazione di un piano o di porzione di un piano, dal momento in cui il trasferimento venga reso noto al condominio, lo status di condomino appartiene all'acquirente, e pertanto soltanto quest'ultimo è legittimato a partecipare alle assemblee e ad impugnarne le deliberazioni, mentre il venditore, che non è più legittimato a partecipare direttamente alle assemblee condominiali, può far valere le sue ragioni connesse al pagamento dei contributi (relativi all'anno in corso e a quello precedente, ai sensi dell'art. 63 disp. att. cod. civ.) attraverso l'acquirente che gli è subentrato, e per il quale, anche in relazione al vincolo di solidarietà, si configura una gestione di affari non rappresentativa che importa obbligazioni analoghe a quelle derivanti da un mandato, e fra queste quella di partecipare alle assemblee condominiali e far valere in merito anche le ragioni del suo dante causa (Cass. n. 9/1990). Ne consegue che ....leggi tutto....
(23/10/2008 - Miolegale.it)
In evidenza oggi:
» Assegno di divorzio una tantum non deducibile
» Risarcisce il padre la madre che impedisce gli incontri col figlio

Newsletter f t in Rss