Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Consulta: no ad equiparazione piccole imprese e artigiane a consumatori ai fini delle clausole vessatorie

Condividi
Seguici

La Corte Costituzionale ha rigettato la questione di legittimità costituzionale sollevata dal Giudice di Pace di Sanremo dell'art. 1469-bis c.c., comma 2, per il motivo che esso non equipara al "consumatore" le piccole imprese e quelle artigiane. Secondo la Consulta: la preferenza nell’accordare particolare protezione a coloro che agiscono in modo occasionale, saltuario e non professionale si dimostra non irragionevole allorché si consideri che la finalità della norma è proprio quella di tutelare i soggetti che secondo l’id quod plerumque accidit sono presumibilmente privi della necessaria competenza per negoziare; onde la logica conseguenza dell’esclusione dalla disciplina in esame di categorie di soggetti – quali quelle dei professionisti, dei piccoli imprenditori, degli artigiani – che proprio per l’attività abitualmente svolta hanno cognizioni idonee per contrattare su un piano di parità (Corte Costituzionale, Sentenza 22 novembre 2002, n.469).
Leggi il provvedimento su www.filodiritto.com
(26/11/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Sequestro del Tfr all'ex marito che non paga il mantenimento
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Codice della strada: arriva la riforma

Newsletter f t in Rss