Sei in: Home » Articoli

Pagamento del debito del terzo in corso di amministrazione controllata

In virtù dei principi ricavabili dal disposto dell?art. 188 L.F. e dalle norme in esso richiamate, deve ritenersi che con l?ammissione del debitore all?amministrazione controllata si verifica la cristallizzazione della massa passiva a tutela della par condicio creditorum. Conseguenza ne è che i pagamenti dei debiti preesistenti, se anche venuti a scadere durante la procedura, sono inefficaci nei confronti degli altri creditori e tali restano anche nelle procedure concorsuali consecutive. La sanzione dell?inefficacia dell?atto di disposizione, ricavabile dall?impianto normativo sopra indicato, non discende tanto dalla natura dell?atto posto in essere, quanto dalla carenza del potere di disposizione del soggetto che lo ha eseguito. Tale principio deve pertanto essere applicato anche al caso in cui l?atto di disposizione si configuri come pagamento del debito di un terzo, e ciò in quanto detto pagamento è idoneo a determinare un depauperamento del patrimonio della società fallita in violazione delle regole della par condicio.
Nella sentenza
(01/12/2004 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Il genitore non può imporre al figlio la sua religione
» Stalking: arriva l'app per raccogliere le prove
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?
» Risarcimento vedova: la pensione di reversibilità non si tocca


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss