Sei in: Home » Articoli

Vuoi sapere quando morirai? Te lo dice Life Clock

In arrivo la nuova app Life Clock che stima le aspettative di vita direttamente al polso con l'Apple Watch

di Marina Crisafi - Ricordati che devi morire!”. “Sì, sì, mo' me lo segno proprio”. Così Massimo Troisi risponde al frate “iettatore” nell'indimenticabile film del 1985 “Non ci resta che piangere”. Ora a ricordare il “memento mori” al posto dei frati c'è Life Clock: la nuova applicazione da polso studiata per l'Apple Watch.

La nuova idea, che sta per arrivare sul mercato, monitora direttamente i parametri dello stato di salute di chi indossa il supertecnologico orologio, con un “macabro countdown” che mostra il tempo che scorre e stima quanto rimane da vivere.

La novità non è assoluta perché esistono già altri sistemi che calcolano l'aspettativa di vita, come ad esempio, Deadline, la app a pagamento disponibile per l'Iphone o il sito Death Clock, ma avere un orologio al polso che ricorda ad ogni sguardo quanto tempo ci è rimasto è sicuramente più inquietante.

In realtà, Life Clock vuole essere “motivazionale”. Stando alle intenzioni, infatti, degli sviluppatori, il fine è quello di incoraggiare la gente a fare le scelte giuste, ad adottare uno stile di vita sano, “penalizzando” le abitudini di vita sbagliate e “premiando” quelle virtuose.

Così, se si è praticata attività fisica Life Clock aggiungerà diversi “minuti di vita” alla stima totale, e se si è mangiata la propria razione giornaliera di verdure si guadagneranno ben 36 minuti, mentre se si mangeranno grassi eccessivi o si dormirà poco, ne toglierà fino a 25.

Il nuovo “giochino” attirerà senz'altro i meno “suggestionabili” ma un po' meno i superstiziosi.

Per ora, comunque, noi italiani possiamo stare tranquilli perché Life Clock sarà disponibile sul mercato insieme all'Apple Watch a fine aprile ma non nel nostro Paese. 

(07/04/2015 - Marina Crisafi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss