Sei in: Home » Articoli

Le voci di spesa nell'assegno di mantenimento. Il Tribunale di Roma stila un protocollo

Un protocollo con l'indicazione dettagliata delle voci di spesa per i figli incluse nel contributo mensile e quelle da considerare straordinarie
coppia divorzio separazione mantenimento
Per decidere la causa n. 9500/2014 R.G. in materia di separazione personale dei coniugi in presenza di minori, il Tribunale di Roma, prima sezione civile, ha elaborato in accordo con i difensori delle parti una sorta di "protocollo" con l'indicazione dettagliata da un lato delle voci di spesa per i figli che vanno incluse nel contributo mensile e dall'altro, di quelle da considerare straordinarie

Si tratta di una regolamentazione formale che, comunque, semplifica le cose anche nei rapporti con i figli, una volta cessata la convivenza. 

In particolare, il tribunale capitolino, seguendo una prassi oramai consolidata, ha disposto che le spese straordinarie rispetto all'assegno perequativo, se sono "facoltative", debbono essere suddivise tra i coniugi previo assenso di entrambi; nel caso in cui l'esigenza di tali spese si manifesti in un momento successivo alla cessazione della convivenza, il genitore interessato a ripartire la spesa straordinaria deve indirizzare una richiesta scritta all'ex coniuge indicando la specifica voce di spesa. 

L'omesso riscontro del genitore destinatario nel termine di dieci giorni viene considerato assenso, con conseguente diritto di rivalsa dell'ex coniuge sulla metÓ dell'importo versato, mentre in caso di risposta negativa il dissenso dovrÓ essere motivato

In ogni caso, il Tribunale indica anche le spese straordinarie cd. obbligatorie (quali libri di testo, spese sanitarie urgenti non coperte dal servizio sanitario nazionale, spese di bollo ed assicurazione dei veicoli) che non richiedono il previo consenso al fine della ripartizione.

Avv. Laura Bazzan

Vedi anche:
(19/03/2015 - Avv.Laura Bazzan)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF