Sei in: Home » Articoli

Un rivoluzionario servizio del ministero della giustizia

Una straordinaria novità telematica è destinata a rivoluzionare l'intricato e variegato panorama giuridico italiano, annullando, come d'incanto, distanze abissali
Una straordinaria novità telematica è destinata a rivoluzionare l'intricato e variegato panorama giuridico italiano, annullando, come d'incanto, distanze abissali e consentendo di seguire, in tempo reale, l'evolversi di un iter processuale. E' stata attivata, recentemente, una pagina web (pst.giustizia.it/PST/it/pst_2_6.wp) che permette di visualizzare, in tempi brevissimi, i procedimenti in atto nelle diverse regioni italiane con tanto di date di rinvio.

Sarà così possibile addentrarsi virtualmente nei meandri dei tribunali, autentici “ templi” della giustizia, fino a questo momento inaccessibili ai comuni mortali, per esaminare il materiale attinente alle diverse ricerche. Le risorse del sistema sono fruibili da tutti ed è possibile accedere senza username o password, in quanto i dati anagrafici e i dettagli riservati dei fascicoli processuali sono coperti dall'anonimato.

Sarà sufficiente individuare l'area geografica interessata e indicare a quale tipo di procedimento si intende accedere. I documenti consultabili fanno riferimento agli ambiti giuridici più disparati, come, ad esempio: Diritto del lavoro, Procedure Concorsuali, Esecuzioni Mobiliari e Immobiliari.

Oltre a rendere accessibili i diversi registri, il sistema consente anche di seguire l'evolversi di un procedimento giudiziario, in cui si è eventualmente coinvolti, inserendo il corrispondente numero di ruolo e visualizzando eventuali rinvii.

E' possibile accedere immediatamente ai documenti richiesti, digitando il seguente indirizzo del servizio offerto dal ministero della giustizia: pst.giustizia.it/PST/it/pst_2_6.wp
(16/01/2013 - Redazione)
In evidenza oggi:
» Decreto sicurezza e migranti: cosa prevede
» L'avvocatura nell'epoca delle incertezze
» La data certa
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Responsabilità medica nella chirurgia estetica

Newsletter f g+ t in Rss