Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si al ritiro della patente per chi guida da ubriaco il motorino

scooter infortunio itinere ciclomotore motorino
Va ritirata la patente a chi viene trovato alla guida di un ciclomotore in stato di ebbrezza. E poco importa che per la guida di quel mezzo non sia richiesta la patente. La Corte di Cassazione, con sentenza 13 agosto 2012, n. 32439, ha infatti chiarito che il principio in base al quale (secondo le Sezioni Unite della stessa Corte) le sanzioni accessorie non si applicano alle infrazioni commesse quando si Ŕ alla guida di mezzo che non richiede la patente, non si applica quando si guida un veicolo che richiede una "abilitazione" come nel caso del motorino. Il principio sancito dalle sezioni unite resta valido quindi per altri veicoli come le biciclette. Come si legge nella parte motiva della sentenza "Nel caso di guida di un ciclomotore in stato di ebbrezza da parte di un soggetto munito di patente di guida, tale titolo abilitativo ha un'idoneitÓ assorbente rispetto al certificato di idoneitÓ, con l'ulteriore conseguenza che la sanzione amministrativa accessoria alla sospensione della patente di guida, prevista quale sanzione amministrativa obbligatoria anche in caso di sentenza di patteggiamento, deve necessariamente avere ad oggetto la patente di guida, in quanto titolo che abilita il soggetto anche alla guida del ciclomotore." In questo modo la suprema corte ha respinto il ricorso del conducente di un ciclomotore sorpreso alla guida mentre era un p˛ "alticcio". Nel ricorso aveva contestato la sospensione della patente, decisa dal Tribunale di Sant'Angelo dei Lombardi, sulla base del rilievo che il reato era stato commesso alla guida di un veicolo per il quale non Ŕ prevista la patente.
La Corte tra le altre cose ha fatto anche notare che "i requisiti fisici e psichici richiesti per la guida dei ciclomotori sono quelli prescritti per la patente di categoria A, ivi compresa quella speciale". Se ne desume quindi che il certificato di idoneitÓ per la guida di ciclomotori Ŕ un vero e proprio titolo di abilitazione alla guida, del tutto assimilabile alla patente di guida.
(24/08/2012 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Cassazione: carcere e multa per chi maltratta i cani
» Mantenimento: verso l'addio al tenore di vita anche per il coniuge separato
» L'impugnazione della rinuncia all'ereditÓ da parte dei creditori
» Gratuito patrocinio: l'avvocato va pagato rapidamente
» Isee 2018: da oggi il rinnovo delle Dsu


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss