Sei in: Home » Articoli

Federconsumatori, il crollo dei consumi influirà pesantemente sul PIL del 2012

mercato consumi frutta crisi codacons
Federconsumatori considera le prime stime relative al PIL del 2012 al pari de “la scoperta dell'acqua calda”: secondo l'associazione, infatti, sarebbe sufficiente guardare l'entità del potere d'acquisto delle famiglie e l'andamento dei consumi per comprendere la drammaticità delle prospettive economiche del paese. Attraverso il comunicato Federconsumatori ha messo particolarmente in evidenza come i consumi siano in forte calo anche nel settore alimentare, che solitamente non viene mai intaccato dalla crisi: i dati parlano di una diminuzione del 4,8% nel 2011, che in termini monetari ammonta a -6,3 miliardi di euro, con una spesa ridotta di 264 euro annue a famiglia. In diminuzione dal 2009 anche l'indebitamento nel settore del credito a consumo, poiché le incertezze economiche causate da licenziamenti e cassa integrazione porterebbero le famiglie a non comprare più, neppure a rate, con conseguenze pessime secondo Federconsumatori per l'intera economia: il PIL potrebbe quindi rivelarsi ancora più al di sotto delle stime che lo attesterebbero al -2%. “Per evitare questa drammatica prospettiva è urgente metter in campo strumenti per il rilancio dell'economia, basato su investimenti per la ricerca e l'innovazione, oltre che misure per il recupero del potere di acquisto a vantaggio esclusivamente delle famiglie a reddito fisso”, sostiene Federconsumatori, che invita nuovamente il Governo a non prendere in considerazione l'ipotesi di aumentare l'IVA a settembre.
(26/03/2012 - A.V.)
In evidenza oggi:
» Decreto sicurezza e migranti: cosa prevede
» L'avvocatura nell'epoca delle incertezze
» La data certa
» Responsabilità medica nella chirurgia estetica
» Pensioni a quota 100, si pensa al riscatto agevolato della laurea

Newsletter f g+ t in Rss