LE NUOVE DIMISSIONI: EFFETTI COLLATERALI

LE NUOVE DIMISSIONI: EFFETTI COLLATERALI

di Maximilian Maria Russo (avvocato) Vedi profilo

segreteria@studiolegalemmr.com

Link correlati:
Legge 188 del 2008
Decreto del ministero del lavoro 21 gennaio 2008
Relazioni al disegno di legge
Modulo informatico di dimissioni
Allegato B con le modalit tecniche

Dal 5 marzo scorso, il lavoratore che intende interrompere il rapporto di lavoro obbligato a rassegnare le proprie dimissioni su un apposito modulo. Ai sensi della nuova legge (la n. 188 del 17 ottobre 2007), le dimissioni presentate al datore di lavoro in forma diversa sono infatti nulle, con la conseguenza che il rapporto di lavoro continua, dal punto di vista legale, come se il lavoratore non avesse mai manifestato lintenzione di recedere dal contratto di lavoro. Il modulo ha unefficacia limitata nel tempo. Infatti, dopo 15 giorni dalla data di emissione, non avr pi alcun valore e il lavoratore intenzionato a dimettersi dovr richiedere il rilascio di un nuovo modulo di comunicazione. Lo scopo della nuova legge evidente: evitare il rischio di dimissioni cosiddette in bianco, vale a dire quelle dimissioni confezionate dal datore di lavoro. Prima della nuova legge poteva infatti accadere che alcuni datori chiedessero al lavoratore di firmare al momento dellassunzione e quale condizione stessa allassunzione un foglio bianco. In questo modo si assicuravano, a propria insindacabile discrezione, la facolt di poter un domani mascherare il licenziamento dietro a dimissioni che soltanto in apparenza erano espressione di una scelta libera e volontaria del lavoratore. La forza contrattuale del lavoratore, gi parte debole del rapporto di lavoro, veniva cos notevolmente limitata. Se mi dovessi basare soltanto sulla mia esperienza professionale, direi che non sono molte le cause pendenti davanti al Tribunale del Lavoro che hanno come oggetto dimissioni in bianco, e potrei quindi addirittura dubitare dellutilit di una legge ad hoc. Ma non sempre la materia del contendere viene portata allattenzione dei Giudici. Inoltre, l arma del foglio bianco potrebbe non essere mai stata utilizzata da alcuni datori. Alla luce delle Relazioni del Senato sul disegno di legge (le nn. 1695 e 1248 del 2007), la prassi delle dimissioni in bianco realmente assai diffusa, prevalentemente mi sento di aggiungere nelle aziende di piccole dimensioni. La nuova legge, dunque, assicura lesatta individuazione della data di presentazione delle dimissioni e garantisce lautenticit dellelemento soggettivo. In altre parole, garantisce che si tratti di dimissioni effettivamente volontarie. Il Ministero del Lavoro, con il decreto 21 gennaio 2008 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 42 del 19 febbraio scorso), ha delineato gli standard del modulo di comunicazione delle dimissioni volontarie. Vediamoli. Innanzitutto, il modulo deve riportare un codice alfanumerico progressivo di identificazione oltre alla data di emissione. Inoltre, deve essere compilato dal dimissionario in ogni sua parte, in modo che siano riportati una serie di dati essenziali, tra i quali la data di stipulazione del contratto di lavoro, la tipologia del contratto da cui si recede, i motivi del recesso, etc. C il rischio, tuttavia, che la nuova normativa possa portare pi svantaggi rispetto a quella che la sua effettiva utilit. Oltre ai problemi legati alla sempre maggiore burocratizzazione del rapporto di lavoro, si pensi, ad esempio, al lavoratore che non si presenti sul posto di lavoro perch convinto della cessazione del rapporto a seguito di dimissioni rassegnate in violazione della nuova normativa e, quindi, nulle. Egli rischia di vedersi trasformato il motivo di cessazione del rapporto di lavoro da dimissioni volontarie in licenziamento per giusta causa, con tutte le conseguenze di legge e di contratto che ne derivano. Oppure, si pensi al datore di lavoro che considerando valide, in conformit della disciplina previgente, le dimissioni rassegnate dal proprio dipendente assuma al suo posto un altro lavoratore, correndo cos il rischio di ritrovarsi, un giorno, con una scrivania e due dipendenti. Il problema non da sottovalutare. E fondamentale che datori di lavoro e lavoratori vengano adeguatamente informati non solo sulla esatta procedura da seguire nel caso di dimissioni volontarie, ma anche e soprattutto sullesistenza stessa della nuova normativa. Infatti, pochi oggi sono a conoscenza della nuova legge e della nuova procedura da seguire in caso di dimissioni. E auspicabile, in tal senso, un rapido intervento del legislatore finalizzato anche alla predisposizione di una capillare rete di informazione e comunicazione. Nel frattempo, per datori e lavoratori non sar facile evitare che dimissioni formalmente nulle rischino di pregiudicare gli aspetti, non solo economici, legati alla delicata fase di cessazione del rapporto di lavoro o possano compromettere gli equilibri, spesso precari, di organizzazione e gestione aziendale: effetti collaterali sui quali si ha il diritto di essere avvisati.

 

AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA NORMATIVA

La nuova legge si applica a "tutti i contratti inerenti ai rapporti di lavoro subordinato di cui allart. 2094 del codice civile, indipendentemente dalle caratteristiche e dalla durata, nonch i contratti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, i contratti di collaborazione di natura occasionale, i contratti di associazione in partecipazione di cui allart. 2549 del codice civile per cui lassociato fornisca prestazioni lavorative e in cui i suoi redditi derivanti dalla partecipazione agli utili siano qualificati come redditi di lavoro autonomo, e i contratti di lavoro instaurati dalle cooperative con i propri soci" (art. 1, comma 2, legge n. 188/2007).

 

DOVE TROVARE IL MODULO PER LE DIMISSIONI

Il modulo , al momento, disponibile (gratuitamente) solamente sul sito internet del Ministero del Lavoro (www.lavoro.gov.it). Si tratta di un modulo informatico valido su tutto il territorio nazionale.

 

LA PROCEDURA DA SEGUIRE IN CASO DI DIMISSIONI

Il lavoratore che intende rassegnare le dimissioni, deve compilare on-line il modulo informatico di comunicazione delle dimissioni, al quale verr assegnato un numero di protocollo. I dati contenuti nel modulo vengono inviati al Ministero del Lavoro. Per chiudere la pratica, il lavoratore deve infine consegnare al datore la ricevuta stampata e validata del modulo di dimissione volontaria.

Il datore di lavoro che riceve la ricevuta ha lobbligo di inviare la comunicazione obbligatoria di cessazione del rapporto di lavoro entro 5 giorni dalla cessazione del rapporto stesso.

 

LE RELAZIONI DEL SENATO, SUL DISEGNO DI LEGGE, NN. 1695 E 1248 DEL 2007

"Il disegno di legge si pone lobiettivo di neutralizzare una pratica molto diffusa e indegna per un Paese civile: si tratta delle famigerate dimissioni in bianco, fatte sottoscrivere in via preventiva al momento dellassunzione della lavoratrice o del lavoratore, vale a dire nel momento in cui il rapporto di forza tra i contraenti a favore del datore di lavoro. Con tale richiesta, preventiva alla stipula del contratto di lavoro, lavoratrici e lavoratori sono posti nella condizione di rinunciare totalmente allesercizio dei loro diritti per tutta la durata del rapporto di lavoro, pena la certezza di un licenziamento immediato".