I Giovani avvocati: «Per i liberi professionisti più che il "decreto sostegno" è il "decreto briciole"»

Decreto Sostegni, Aiga insoddisfatta

Il testo del nuovo decreto legge c.d. "decreto Sostegni" con le misure urgenti anche a sostegno dei liberi professionisti ha fortemente deluso l'Aiga (Associazione Italiana Giovani Avvocati) che, in una nota, esprime profonda insoddisfazione. Il decreto ha stabilito l'erogazione di un contributo a fondo perduto ai titolari di partita Iva in caso di perdite di fatturato tra il 2019 e il 2020 pari ad almeno il 30%, calcolato sul valore medio mensile, in base a cinque differenti percentuali per scaglioni di fatturato.

Aiga, delusione per il calcolo contributi

«Siamo molto delusi dal metodo di calcolo dei contributi - afferma - il presidente dell'Aiga, avv. Antonio De Angelis poiché - al di là di tanti giri di parole, il contributo è infatti pari al 5 % della perdita di fatturato tra il 2019 e il 2020. A buona parte dei liberi professionisti, ed in particolare degli Avvocati, arriverà un contributo di mille euro, il minimo previsto. Più che il decreto sostegno questo è il decreto briciole». L'Associazione però non si arrende e contro il provvedimento è pronta a mettere in campo azioni di protesta.

Leggi anche Decreto sostegni: tutte le misure


Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: