Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Il contratto collettivo come fonte di diritto del lavoro

Condividi
Seguici

Il contratto collettivo di lavoro rientra tra le fonti che regolano il diritto del lavoro, a prescindere da quale sia il livello a cui è stipulato
stretta di mani concetto di accordo contratto
di Redazione - Il diritto del lavoro è caratterizzato da una molteplicità di fonti, tra le quali rientrano anche i contratti collettivi di lavoro, di diverso livello.
Tale aspetto rappresenta una peculiarità della materia.
  1. Le fonti di diritto del lavoro
  2. Il crescente ruolo del contratto collettivo
  3. Dal contratto nazionale al contratto individuale

Le fonti di diritto del lavoro

Volendo riassumere brevemente le fonti che caratterizzano il diritto del lavoro, le stesse coincidono con:
  • la Costituzione italiana
  • le fonti comunitarie
  • le fonti UE
  • la legge (codice civile e leggi speciali)
  • i contratti collettivi
  • i contratti individuali
  • gli usi e le prassi aziendali.

Il crescente ruolo del contratto collettivo

In tale sistema, nel corso degli ultimi decenni il contratto collettivo ha assunto un ruolo via via crescente, andando a regolamentare degli aspetti cruciali della prestazione lavorativa.
Le leggi in materia di lavoro, infatti, si caratterizzano per essere sempre più "essenziali" e per rinviare alla contrattazione collettiva la regolamentazione di molteplici istituti.
Uno degli esempi più importanti di tale tendenza è rappresentata dall'orario di lavoro, la cui disciplina legislativa detta soltanto dei principi di carattere generale, ponendo dei confini ampi entro i quali è poi l'autonomia collettiva a muoversi liberamente.

Dal contratto nazionale al contratto individuale

Non solo. La tendenza attuale è anche quella al decentramento della contrattazione, con un'importanza sempre maggiore della contrattazione collettiva aziendale (e in alcuni casi territoriale) a scapito di quella nazionale.
Molti aspetti della vita lavorativa, in sostanza, trovano la loro fonte di disciplina non nella contrattazione collettiva nazionale di categoria ma in quella aziendale, stipulata all'interno dei luoghi di lavoro e del tutto peculiare.
Con la conseguente frammentazione delle caratteristiche concrete del rapporto di lavoro subordinato.

(05/07/2019 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: modificato il regolamento disciplinare
» In arrivo nuovo limite contanti: tra i 1.000 e i 1.500 euro

Newsletter f t in Rss