Innovativo provvedimento del tribunale di Perugia che dispone l'affido paritetico di un bimbo in tenera età tra entrambi i genitori e il mantenimento diretto. Ne parliamo con l'Avv. Simone Marchetti
bimbo triste per divorzio dei genitori su altalena

Affido paritetico e mantenimento diretto

Via libera al mantenimento diretto del figlio che passa metà tempo con entrambi i genitori, in un regime di affido condiviso autentico. E' quanto ha disposto il tribunale di Perugia, con un innovativo provvedimento (sotto allegato), a fortiori considerato il giudizio contenzioso e non consensuale tra i genitori, che si muove verso l'applicazione effettiva dei dettami della legge sull'affido condiviso. Ne parliamo con l'Avvocato Simone Marchetti, difensore del padre del bambino.

Avvocato Marchetti ci racconta la vicenda che ha dato origine al provvedimento?

"Due genitori (lei ostetrica, lui impiegato con redditi simili) con un bambino di 10 anni. Quindi una coppia come tante che, dopo una ventina di anni di relazione, decide di lasciarsi. E, non trovando una soluzione condivisa, si rivolge al Tribunale.

Tribunale di Perugia che, con un primo provvedimento provvisorio, colloca prevalentemente, come avviene di solito, il bambino presso la madre obbligando quindi il padre all'assegno di mantenimento (300 euro, nel caso di specie).

Nel corso del giudizio, tuttavia, è il bambino stesso a manifestare il desiderio di una maggiore permanenza presso la casa del padre (distante solo un paio di km da quella materna).

Il Tribunale di Perugia, orbene, con provvedimento definitivo del 01/09/21, dispone il collocamento del bambino presso il padre e la madre secondo tempistiche paritarie.

Ma v'è di più. Lo stesso Tribunale, alla luce delle suddette tempistiche paritarie di permanenza presso ciascun genitore ed in considerazione dei redditi di costoro pressochè omogenei, revoca il mantenimento a carico del padre disponendo il cosiddetto mantenimento diretto: ovverosia ciascun genitore, nel periodo di permanenza del bambino presso di sè, provvede a tutto l'occorrente senza pagare nessun assegno all'altro".

Dunque, affidamento paritetico e mantenimento diretto del minore, senza alcun assegno a carico. Si tratta di una decisione molto innovativa considerato anche il giudizio contenzioso e non consensuale?

"La legge sull'affido condiviso risale a ben quindici anni orsono. In questo lungo periodo, tuttavia, la legge si è scontrata con la prassi, diffusasi nella aule di giustizia, dell'affido condiviso con collocamento prevalente (quasi sempre a favore della madre) che, nella sostanza, non diverge granchè dal vecchio affido esclusivo. Negli ultimi anni ho assistito diversi coniugi che chiedevano consensualmente una suddivisione paritaria dei tempi di permanenza con i figli. Trattavasi pertanto di separazioni consensuali poi regolarmente omologate dal Tribunale. La decisione del Tribunale di Perugia è invece avvenuta in un giudizio contenzioso ed ha quindi una portata sicuramente innovativa e può costituire un importante precedente per casi simili.

L'iter logico-giuridico seguito dal Tribunale di Perugia è inattaccabile e può riassumersi nel seguente schema:

1) il bambino desidera stare anche con il padre

2) Il padre ha la disponibilità ad accoglierlo

Conseguenza necessaria > AFFIDO PARITETICO

3) Affido paritetico

4) Redditi simili

Conseguenza necessaria > MANTENIMENTO DIRETTO"

Secondo lei, è un inizio verso l'abbandono del collocamento prevalente e soprattutto verso un'applicazione effettiva della legge sull'affido condiviso?

"I tempi sono senz'altro maturi, anche culturalmente parlando. I padri "evanescenti", preoccupati solo di contenere l'assegno di mantenimento, sono fortunatamente una razza in via di estinzione. Da qualche anno in qua, i padri, almeno quelli che si sono rivolti al mio studio, manifestano tutti un attaccamento ai figli che si traduce in una costante cura ed attenzione nei loro confronti. Cure ed attenzioni che devono essere presenti nell'ambito di una famiglia unita ma che devono essere ancor più intense, se così si può dire, in caso di crisi coniugale.

Che i bambini possano trascorrere tempi simili con la mamma e con il papà (e quindi stabilire con loro, negli anni, un rapporto intimo e profondo) mi pare una conquista civile. Non vi è una sola controindicazione in tal senso. Ovviamente occorrono delle "precondizioni" la più importante delle quali è che le abitazioni dei genitori siano poste tra di loro ad una ragionevole distanza. Ma se le abitazioni sono, appunto, vicine e gli impegni lavorativi di ciascuno lo consentono, l'affido condiviso con tempi paritetici dovrebbe cominciare ad essere finalmente la regola e non più l'eccezione, come purtroppo avvenuto finora".

Scarica pdf decreto Trib. Perugia 1.9.2021
Vedi anche:
L'assegno di mantenimento: guida legale e raccolta di articoli
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: