L'Inps guida i soggetti interessati alla domanda per ottenere l'anticipo del 40% delle integrazioni salariali CIGO, CIGD e ASO
logo Inps con soldi

Anticipo Cassa integrazione del 40%

[Torna su]

Grazie al Decreto Rilancio i lavoratori destinatari della Cassa Integrazione ordinaria, di quella in deroga e dell'assegno ordinario, hanno la possibilità di chiedere un anticipo del 40% delle ore autorizzate.

L'anticipo, in particolare, può essere richiesto per le domande presentate

  • a partire dal 18 giugno 2020;
  • prima del 18 giugno 2020 e già autorizzate dall'INPS, in relazione alle quali il datore non ha ancora presentato il modello SR41.

Si tratta indubbiamente di un'opportunità molto importante per i lavoratori, perché in questo modo possono disporre di un acconto, senza essere costretti ad aspettare i tempi della liquidazione dell'intero importo dell'integrazione salariale, visto che per questo è necessario attendere la conclusione dell'intero iter amministrativo.

Ore da indicare nella domanda di anticipo

[Torna su]

Nel momento in cui il datore presenta la domanda per l'anticipo, è però necessario che lo stesso proceda a una programmazione attenta delle sospensioni, visto che l'anticipo del 40% viene calcolato sulle ore che fanno riferimento a tutto il periodo richiesto.

Per questo è opportuno che il datore indichi un numero di ore inferiore a quelle indicate nella domanda principale. In questo modo si evita che l'acconto sia superiore dell'importo dovuto a saldo, alla fine della sospensione.

Come fare domanda per l'anticipo del 40%

[Torna su]

Come illustrato nel documento "Pagamento anticipato del 40% delle integrazioni salariali" (sotto allegato) la domanda per l'anticipo del 40% deve essere presentata dal datore di lavoro entro 15 giorni dall'inizio del periodo di sospensione o di riduzione dell'attività lavorativa.

Per farlo è necessario accedere alle procedure di domanda d'integrazione salariale (CIGO; CIGD e ASO) cliccando sull'apposito link.

Per chiedere l'anticipo del 40%, occorre selezionare l'opzione apposita, impostata in automatico sul "SI", che abilita l'accesso al link che permette di avviare la procedura di "Richiesta anticipo 40%."

Il datore a questo punto deve compilare un file (csv, xml) in cui, per ogni lavoratore, deve indicare il Codice Fiscale, l'Iban e le ore d'integrazione. Dati che il datore di lavoro deve avere cura di controllare che siano stati inseriti correttamente.

Occorre prestare particolare attenzione anche al numero di ore di riduzione/sospensione indicate per ogni lavoratore per il quale si chiede l'anticipo, che devono essere minori o uguali a quelle indicata nella domanda principale. Ore e minuti devono essere indicati in centesimi fino a un massimo di 23500 (mezzora = 50; un'ora=100).

Una volta inoltrata la domanda l'Inps, effettuati i necessari controlli formali per verificare il corretto inserimento di tutti i dati richiesti, procede al pagamento dell'anticipo entro 15 giorni dalla protocollazione della domanda.

Alla pagina del sito ufficiale INPS sono presenti tre link, che rimandano a tre video tutorial che aiutano l'utente nella compilazione delle domande per l'anticipo del 40% dei seguenti trattamenti:

  • fondi di solidarietà
  • CIG in deroga;
  • Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria.

Per ulteriori approfondimenti sull'anticipo l'Inps rimanda anche a due importanti provvedimenti:

  • circolare INPS 27 giugno 2020, n. 78 (sotto allegata);
  • messaggio 18 novembre 2020, n. 4335 (sotto allegato).

Scarica pdf Pagamento anticipato 40%
Scarica pdf Circolare n. 78 del 27.06.2020
Scarica pdf Messaggio n. 4335 del 18.11.2020
Scarica pdf Allegato 1 Messaggio n. 4335 del 18.11.2020
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: