L'accesso all'opzione donna è concesso alle lavoratrici dipendenti o autonome, al raggiungimento di specifici requisiti anagrafici e contributivi
avvocato donna id10425

di Valeria Zeppilli - Tra le possibilità che permettono di anticipare l'uscita dal lavoro e accedere alla pensione prima del raggiungimento dei requisiti ordinari va segnalata la cd. opzione donna, riservata, tuttavia, alle sole lavoratrici di sesso femminile.

Introdotta dalla legge Maroni del 2004 e prorogata di anno in anno sino a tutto il 2020, tale opzione permette il pensionamento a partire dai 58 o 59 anni di età a seconda dei casi, purché la donna abbia già accumulato un cospicuo numero di contributi e accetti di rinunciare a una parte dell'importo che le spetta a titolo di pensione.

Opzione donna: requisiti

[Torna su]

Più nel dettaglio, nel 2020 l'accesso all'opzione donna è consentito alle lavoratrici che, al 31 dicembre 2020:

  • abbiano un'età anagrafica almeno pari a 58 anni o a 59 anni, a seconda che si tratti di dipendenti o di autonome
  • abbiano un'anzianità contributiva almeno pari a 35 anni.

È evidente il vantaggio rispetto alle modalità ordinarie di accesso alla pensione, che attualmente prevedono il compimento di almeno 67 anni di età e l'accredito di almeno 20 anni di contributi.

Vai alla guida Opzione donna: cos'è e come si accede

Opzione donna: contributi figurativi

[Torna su]

Per quanto riguarda il requisito contributivo, va precisato che possono essere a tal fine valutati i contributi versati o accreditati a qualsiasi titolo, quindi sia quelli obbligatori, che quelli figurativi, da ricongiunzione, volontari e da riscatto.

Non rientrano tuttavia nel calcolo i periodi di malattia, disoccupazione e/o prestazioni equivalenti (che continuano comunque a incidere nella determinazione dell'assegno).

Opzione donna e lavoro

[Torna su]

Al ricorrere dei predetti requisiti, per conseguire la pensione con opzione donna non è necessario cessare l'attività che la donna svolga come lavoratrice autonoma. Il beneficio è invece incompatibile con il rapporto di lavoro dipendente.

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: