Emergenza Covid-19, tutti gli aiuti per il settore agricolo e della pesca: cassa integrazione, indennità, finanziamenti e fondo garanzia pmi
tecnologia applicata ad agricoltura
Dott. Francesco Siano - Pubblicato in Gazzetta il 17 Marzo scorso ed entrato in vigore lo stesso giorno, il decreto Cura Italia contiene una serie di aiuti rivolte a famiglie, imprese e lavoratori per far fronte all'emergenza Covid-19. Andiamo ad analizzare nello specifico quelle che sono rivolte al settore Agricoltura e Pesca.

Cassa integrazione in deroga

[Torna su]
Rappresenta, sicuramente, una delle misure più attese e importanti del decreto, come si evince anche dalla destinazione di circa 3,3 miliardi di euro per il 2020. All'art.22 viene prevista la possibilità di richiedere il trattamento di cassa integrazione salariale in deroga anche per i lavoratori del settore agricolo e della pesca. Il trattamento, limitatamente ai lavoratori del settore, per quanto concerne eventuali diminuzioni o riduzioni dell'attività lavorativa, è equiparato ai fini del calcolo delle prestazioni di disoccupazione agricola.

Indennità per i lavoratori del settore agricolo e partite Iva

[Torna su]
L'art.30 prevede che per gli operai del settore agricolo, che, nel corso nel 2019, abbiano effettuato almeno 50 giorni lavorativi e non siano titolari di pensione o iscritti presso altre forme di previdenza, oltre che titolari di partite iva, un'indennità di 600 euro per il mese di Marzo. Tale indennità non concorre alla formazione del reddito e dovrà essere richiesta tramite apposita domanda all'Inps.

Proroga presentazione delle domande di disoccupazione agricola

[Torna su]
Solo per le domande non presentante per l'anno 2019, è stata prevista, la posticipazione delle domande di disoccupazione al 1 Giugno 2020, per tutti gli operai agricoli a tempo determinato e indeterminato.

Anticipi PAC e copertura interessi passivi finanziamenti

[Torna su]
Il primo comma dell'art.78 dà il via libera all'aumento dal 50% al 70% degli anticipi dei fondi PAC.
Il secondo comma istituisce un fondo presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, che sarà destinato alla copertura degli interessi passivi, degli ultimi due anni, sui finanziamenti bancari delle imprese del settore agricolo e della pesca, contratti per ristrutturazione debiti e capitale circolante.
Viene previsto, inoltre, l'aumento del fondo di derrate alimentari alle persone indigenti con una dotazione di 50 milioni.

Prestazioni occasionali da parte di parenti ed affini

[Torna su]
Entro il sesto grado di parentela o affinità, non saranno considerati rapporti di lavoro autonomo o subordinato quelle svolte dagli stessi in modo occasionale o ricorrente di breve periodo, a titolo meramente gratuito. La precedente previsione legislativa prevedeva tale possibilità solo entro il quarto grado.

Fondo garanzia Pmi

[Torna su]
Un ulteriore pilastro del decreto è costituito dal potenziamento del fondo di garanzia a favore delle pmi. Per il settore agricolo e della pesca assegna ad Ismea un fondo di 80 milioni di euro.
Le modifiche riguardano:
- la gratuità della garanzia del fondo e delle commissioni di accesso;
- l'ammissibilità alla garanzia per operazioni di rinegoziazione del debito;
- l'allungamento automatico della garanzia nell'ipotesi di moratoria o sospensione correlata all'emergenza Covid-19;
- facilitazione di accesso alla procedura per operazione fino a 100.000 euro;
- estensione del limite per la concessione della garanzia a 5 milioni di euro.

Congedi, bonus e ulteriori misure generali

[Torna su]
Oltre alle misure appena elencate sono previste misure generali, valide anche per il settore agricolo e della pesca:
- congedo parentale a sostegno de genitori lavoratori fino a 15 giorni per i figli di età non superiore ai 12 anni o, in alternativa, bonus baby-sitter di 600 euro;
- credito d'imposta del 50% per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro e relative attrezzature, sostenute fino al 31 Dicembre 2020;
- bonus di 100 euro per i lavoratori che si sono recati in sede durante il mese di Marzo;
- credito d'imposta del 60% per spese di affitto di negozi e botteghe, rientranti nella categoria catastale C1;
- sospensione dei versamenti da autoliquidazione in scadenza tra l'8 e il 31 Marzo al 31 Maggio 2020;
- sospensione dei termini dei versamenti per i carichi affidati all'agente della riscossione al 31 Maggio 2020.


Dott. Francesco Siano
info@trsconsulting.it
+39 3209639793
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.om
In evidenza oggi: