Sei in: Home » Articoli

In arrivo stangata da oltre 630 euro a famiglia

Condividi
Seguici

Le stime di Federconsumatori per il 2020: stangata da 630,35 euro a famiglia. Pesano le scelte della manovra 2020 e del Milleproroghe
coppia chiede aiuto di fronte alle bollette domestiche

di Redazione - Oltre 630 euro a famiglia. A tanto ammonta la stangata in arrivo nel 2020. Le stime provengono dall'Osservatorio Nazionale Federconsumatori che ha stilato l'andamento dei prezzi per l'acquisto di beni e servizi e l'impatto che avranno sulle famiglie italiane.

Famiglie, tariffe in aumento

A determinare tali andamenti sono, da un lato, alcune scelte assunte nella manovra 2020 e nel Decreto Milleproroghe, dall'altro alcuni trend, come quello relativo agli aumenti nel campo delle assicurazioni, già in atto negli ultimi giorni del 2019.

In discesa ticket e acqua

Si prospettano lievi discese dei costi soltanto per quanto concerne i ticket sanitari (che saranno legati al reddito) e le tariffe dell'acqua. Anche se, specifica la federazione, per quanto riguarda il settore idrico e quello dei rifiuti, potranno esservi delle modifiche nelle stime, in virtù della regolazione che dovrà essere effettuata dall'Arera.

Federconsumatori: il Governo intervenga

Non bisogna trascurare il fatto, evidenzia ancora la Federconsumatori, "che tali aumenti avvengono in un contesto delicato, in cui il Paese stenta ancora a riprendersi e in cui manca un serio piano di crescita improntato allo sviluppo, alla ricerca, al rilancio dell'andamento dell'occupazionale, continua Federconsumatori.

Da qui, la richiesta al Governo di "una riforma degli ormai iniqui oneri di sistema, che pesano in maniera spropositata sulle bollette dell'energia". L'augurio, infine, è che l'esecutivo "non si sottragga ad operare una seria rimodulazione delle aliquote Iva, in modo da non tassare come beni di lusso alcuni beni e prodotti che invece sono di largo consumo".

(02/01/2020 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Taser a tutte le forze dell'ordine
» Stop chiamate call center anche sui cellulari

Newsletter f t in Rss