Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Ecobonus: correzioni entro il 30 novembre

Condividi
Seguici

Enea precisa che il 30 novembre 2019 scade il termine per rettificare eventuali dati errati per beneficiare dell'Ecobonus
casa su legno con livelli di efficienza energetica

di Annamaria Villafrate - Enea informa, rispondendo alle domande più frequenti dei contribuenti (faq sotto allegate) che, chi ha presentato domanda per poter usufruire dell'Ecobonus all'Enea, ha tempo fino al 30 di novembre 2019 per procedere alla correzione di eventuali errori commessi in fase di compilazione. Rettifica possibile solo per chi ha completato i lavori di efficientamento nel 2018.

Per chi ha completato i lavori nel 2017 invece, l'impossibilità di rettificare i dati non fa venire meno il diritto alla detrazione, anche se l'importo delle spese sostenute non indicato nella richiesta, è però riportato correttamente nelle dichiarazioni dei redditi e debitamente documentato:

  1. Rettifica dati documentazione obbligatoria Enea
  2. Dati Ecobonus non rettificabili
  3. Dati Ecobonus rettificabili

Rettifica dati documentazione obbligatoria Enea

Nel momento in cui un contribuente provvede a compilare e inviare la documentazione obbligatoria all'Enea per richiedere la detrazione prevista per l'Ecobonus, è possibile che commetta degli errori. La questione è: una volta commessi questi errori è possibile correggerli? La riposta non è univoca. Tutto dipende infatti dall'anno in cui è stata trasmessa la documentazione obbligatoria necessaria a chiedere la detrazione.

La Circolare dell'AdE n.21/E del 23/04/ 2010 sancisce infatti che, per i lavori completati dal 2009 in poi, si può procedere alla modifica della documentazione inviata, anche dopo 90 giorni dalla fine delle opere, a condizione che, secondo quanto stabilito dalla Risoluzione dell'AdE n.4/E del 27 Maggio 2010, le modifiche vengano effettuate entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi. Vediamo quindi quando i dati sono rettificabili e quando non è più possibile.

Dati Ecobonus non rettificabili

Non si possono più modificare i dati inseriti nella richiesta già inviata all'Enea, relativi ai lavori completati entro il 31/12/2017. La Circolare dell'AdE n.20/E del 13/5/2011 però riconosce al contribuente il diritto di beneficiare della detrazione anche per le spese che, per errore, non sono state inserite nella richiesta, a condizione che l'importo delle stesse sia stato indicato correttamente nelle relative dichiarazioni dei redditi e che detti esborsi, in fase di controllo formale, siano documentati.

Dati Ecobonus rettificabili

Possono invece essere rettificati i dati inseriti nella richiesta di detrazione all'Enea relativi a lavori conclusi nel 2018, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi del 30 novembre 2019. Ancora pochi giorni quindi per chi deve procedere a dette correzioni, se intende usufruire delle agevolazioni fiscali previste per chi effettua interventi di miglioramento dell'efficienza energetica degli immobili.

Leggi anche:

- Ecobonus: un sito per trasmettere i dati

- Ecobonus, i controlli dell'Enea

Scarica pdf Enea faq ecobonus
(27/11/2019 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Bollo auto 2020: le novità in arrivo
» Riforma del processo civile: ok del Governo

Newsletter f t in Rss