La volontà del legislatore è di rendere il diritto al congedo parentale tendenzialmente preminente rispetto alle ordinarie esigenze di servizio
Genitori che giocano con un bambino
Avv. Francesco Pandolfi - In occasione di alcune cause l'amministrazione militare ha sostenuto che l'art. 42 bis del D. Lgs. n. 151/01 non sarebbe applicabile al personale militare e delle Forze di Polizia, che dunque resterebbe assoggettato alla disciplina speciale dei rispettivi ordinamenti.

Assegnazione temporanea

Ricordiamo rapidamente che la norma segnalata va a regolamentare la cosiddetta assegnazione temporanea: "il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1 co. 2 del d. lgs. n. 165/01 può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l'altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L'eventuale dissenso deve essere motivato e limitato a casi o esigenze eccezionali. L'assenso o il dissenso devono essere comunicati all'interessato entro trenta giorni dalla domanda".

Ebbene, ultimamente è intervenuto in materia il Tar Lombardia con la sentenza n. 9/2019, contrastando l'orientamento negativo ed affermando (anzi, confermando) l'applicabilità della norma anche al personale militare e delle Forze di Polizia.

Questi i tratti salienti della pronuncia favorevole al militare:

Disciplina applicabile

L'art. 1496 C.O.M. prevede che al personale militare femminile e maschile si applica, tenendo conto del particolare stato rivestito, la normativa vigente per il personale delle p.a. in materia di maternità e paternità.

Motivazione del rigetto

Alla previsione dell'obbligo di motivazione del rigetto va aggiunta la condizione che sia limitato a casi ed esigenze eccezionali.

Diritto al congedo parentale

Il diritto al congedo parentale è preminente sulle ordinarie esigenze di servizio: tale diritto può recedere solo in presenza di casi o esigenze eccezionali, di cui l'amministrazione deve dare conto.

Risarcimento danni da ritardo

Se l'amministrazione non risponde entro i trenta giorni assegnati per legge, può essere chiamata a rispondere in favore del ricorrente del danno da ritardo nell'adozione del provvedimento finale.



Altre informazioni?
Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
Francesco Pandolfi | Avvocato
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Condividi
Feedback

(16/08/2019 - Avv.Francesco Pandolfi)
In evidenza oggi: