Responsabilità medica: la Cassazione sulla causa di non punibilità

Condividi
Seguici

La Suprema Corte chiarisce quando il medico può beneficiare della causa di non punibilità ex art. 590-sexies c.p. e quando invece questa non si applica
medici operazione medico

di Valeria Zeppilli - La legge Gelli, con l'introduzione nel codice penale dell'articolo 590-sexies, ha arricchito il nostro ordinamento di una causa di non punibilità specifica per le ipotesi di responsabilità medica.

Con la sentenza numero 8115/2019 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ne ha chiarito i confini esatti di applicabilità.

  1. Quando opera la causa di non punibilità del medico
  2. Quando non opera la causa di non punibilità del medico
  3. La vicenda

Quando opera la causa di non punibilità del medico

In particolare, i giudici hanno precisato che la causa di non punibilità di cui all'articolo 590-sexies:

  • si applica solo ai fatti che possono essere inquadrati nel paradigma dell'articolo 589 c.p. (omicidio colposo) o in quello dell'articolo 590 c.p. (lesioni personali colpose);
  • opera solo se l'esercente la professione sanitaria ha individuato le linee guida adeguate al caso concreto e versa in colpa lieve da imperizia nell'attuazione delle relative raccomandazioni.

Quando non opera la causa di non punibilità del medico

La causa di non punibilità introdotta dalla legge Gelli, invece, non si applica:

  • se l'esercente la professione sanitaria versa in colpa da imprudenza e da negligenza;
  • se l'atto sanitario non è stato governato da linee guida o da buone pratiche;
  • se il sanitario ha individuato e selezionato le linee guida o le buone pratiche ma queste risultano inadeguate con riferimento al caso concreto;
  • se il sanitario ha agito con imperizia nella fase attuativa delle raccomandazioni previste dalle linee guida.

La vicenda

Nel caso di specie, il giudice del merito non aveva tenuto conto di tali circostanze ma si era limitato a sussumere i fatti di causa all'interno della normativa introdotta dalla legge Gelli omettendo di valutare le problematiche relative alla natura giuridica e ai presupposti applicativi della causa di non punibilità determinata da imperizia di colui che esercita la professione sanitaria.

Dovrà quindi tornare a pronunciarsi sulla vicenda, che vede due medici imputati del reato di lesioni personali colpose in danno di un paziente, cagionate all'esito di un trattamento sanitario.

Scarica pdf sentenza Cassazione numero 8115/2019
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(15/03/2019 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» La famiglia nel diritto: evento in corso di accreditamento per crediti formativi avvocati
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da sé l'assegno al figlio
» La sicurezza sui luoghi di lavoro
» La contrattazione collettiva nel pubblico impiego
» Incidente: pedone responsabile se attraversa mentre parla al cellulare

Newsletter f t in Rss