Cos'è l'omertà, quali fini persegue, quali ragioni la determinano e in che senso essa caratterizza le associazioni di tipo mafioso
uomo con cerniera che chiude la bocca per censura

di Valeria Zeppilli - Cos'è il termine omertà? E quale legame ha con il mondo giuridico?

Cos'è l'omertà

[Torna su]

Con il termine omertà si fa riferimento, nel mondo giuridico, al silenzio di alcuni soggetti che non riferiscono quanto sanno circa un determinato reato, il suo autore e le circostanze nelle quali è stato commesso.

L'omertà è finalizzata a ostacolare le indagini e a rendere più difficoltose la ricerca e la punizione del colpevole.

Le ragioni alla base dell'omertà

[Torna su]

Alla base dell'omertà possono esservi diverse ragioni.

Innanzitutto, il timore del soggetto interrogato di subire delle pesanti ritorsioni nel caso in cui sveli ciò di cui è a conoscenza con riferimento a un determinato reato.

Più spesso, poi, l'omertà trova la sua causa nella solidarietà sussistente all'interno di un gruppo sociale. È questa la ragione tipica del silenzio praticato all'interno delle organizzazioni di stampo mafioso.

Omertà e associazioni mafiose

[Torna su]

Del resto, il codice penale, all'articolo 416-bis ricollega espressamente alle organizzazioni mafiose l'omertà.

Tale disposizione precisa infatti che un'associazione è di tipo mafioso quando i suoi appartenenti "si avvalgono della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva per commettere delitti, per acquisire in modo diretto o indiretto la gestione o comunque il controllo di attività economiche, di concessioni, di autorizzazioni, appalti e servizi pubblici o per realizzare profitti o vantaggi ingiusti per sé o per altri, ovvero al fine di impedire od ostacolare il libero esercizio del voto o di procurare voti a sé o ad altri in occasione di consultazioni elettorali".

L'omertà, quindi, è uno dei principali segni distintivi e caratteristici delle organizzazioni di tipo mafioso.

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

(04/03/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: