Sei in: Home » Articoli

Morte presunta: cos'è e quali effetti ha

Condividi
Seguici

Cos'è e quali sono i presupposti perché sia dichiarata la morte presunta, quali effetti produce e cosa comporta il ritorno del soggetto dichiarato morto
uomo cammina verso la luce

di Valeria Zeppilli - La morte presunta è un istituto giuridico in forza del quale un soggetto, al ricorrere di determinate condizioni, è ritenuto morto dal nostro ordinamento.

La morte deve essere formalizzata con una pronuncia emessa dal tribunale.

Indice:

  1. Morte presunta: quando può essere dichiarata
  2. Procedimento per la dichiarazione di morte presunta dell'assente
  3. Dichiarazione di morte presunta: effetti
  4. Nuovo matrimonio del coniuge
  5. Ritorno della persona di cui è stata dichiarata la morte presunta

Morte presunta: quando può essere dichiarata

I requisiti necessari perché possa essere dichiarata la morte presunta sono:

- una persona è assente da almeno dieci anni (con la precisazione che la sentenza di morte presunta non può essere dichiarata se non sono trascorsi nove anni dal raggiungimento della maggiore età dell'assente),

- una persona è scomparsa durante operazioni belliche alle quali ha preso parte o si è trovato comunque presente e sono trascorsi due anni dall'entrata in vigore del trattato di pace o, in mancanza, due anni dalla fine dell'anno in cui sono cessate le ostilità,

- una persona è stata fatta prigioniera, internata o trasportata in paese straniero dal nemico e sono trascorsi due anni dall'entrata in vigore del trattato di pace o, in mancanza, due anni dalla fine dell'anno in cui sono cessate le ostilità, senza averne successivamente notizia,

- una persona ha subito un infortunio e non si hanno più notizie di lui da due anni dal giorno dell'infortunio stesso o, se questo è sconosciuto, dalla fine del mese o, se anche il mese è sconosciuto, dalla fine dell'anno in cui si è verificato l'evento.

Procedimento per la dichiarazione di morte presunta dell'assente

È evidente che le ipotesi più comuni di dichiarazione di morte presunta sono quelle che interessano l'assente.

Se si verificano, la morte presunta può essere dichiarata anche se non è stata fatta la dichiarazione di assenza, purché vi sia istanza del pubblico ministero o dei soggetti indicati dall'articolo 50 c.c. (tra cui coloro che sarebbero eredi testamentari o legittimi, se l'assente fosse morto nel giorno a cui risale l'ultima notizia di lui, o i loro rispettivi eredi).

Dichiarazione di morte presunta: effetti

La dichiarazione di morte presunta assume molteplici effetti, come si trattasse di una vera e propria morte biologica.

Ad esempio, coloro che hanno già ottenuto l'immissione temporanea nel possesso dei beni dell'assente (o i loro successori) possono disporne liberamente e divengono definitivi l'esercizio dei diritti e la liberazione delle obbligazioni concessi in via temporanea.

Nuovo matrimonio del coniuge

Una volta che è divenuta eseguibile la sentenza con la quale è stata dichiarata la morte presunta di un soggetto, il suo coniuge può contrarre nuovo matrimonio.

Tuttavia, tale matrimonio è nullo (con salvezza degli effetti civili) se la persona della quale è stata dichiarata la morte presunta torni o se sia accertata la sua esistenza.

Ritorno della persona di cui è stata dichiarata la morte presunta

Più in generale, il ritorno o la prova dell'esistenza della persona di cui è stata dichiarata la morte presunta comporta il suo diritto a recuperare i propri beni nello stato in cui si trovano e di conseguire il prezzo di quelli che sono stati alienati o i beni nei quali questo sia stato investito. Tale soggetto ha inoltre diritto di pretendere l'adempimento delle obbligazioni considerate estinte, fermo restando il fatto che sono salvi in ogni caso gli effetti delle prescrizioni e delle usucapioni.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(19/12/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati
» Avvocato whistleblower: potrà denunciare giudici e cancellieri in anonimo
» Il reato di bancarotta
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» Ecco la riforma del processo penale

Newsletter f t in Rss