Sei in: Home » Articoli

Decreto privacy in vigore: al via l'oblazione

Il 19 settembre è entrato in vigore il decreto privacy di adeguamento al Gdpr. Ai nastri di partenza, tra le varie novità, l'oblazione e la definizione agevolata dei procedimenti pendenti
uomo guarda scritta gdpr privacy

di Valeria Zeppilli - Il 19 settembre 2018 è entrato in vigore il decreto legislativo numero 101/2018, con il quale la normativa nazionale in materia di privacy è stata adeguata al Gdpr, ovverosia al regolamento Ue numero 2016/679.

Con l'occasione, il Garante della privacy ha reso disponibile sul proprio sito il Codice in materia di protezione dei dati personali integrato con le più recenti modifiche, qui sotto allegato.

Al via l'oblazione

L'entrata in vigore della nuova normativa comporta, tra le altre cose, la decorrenza dei termini per il pagamento dell'oblazione prevista per le violazioni del codice.

Il decreto 101, infatti, ha previsto due diverse tipologie di oblazioni, per sanare gli illeciti privacy pendenti alla data del 25 maggio 2018, l'una, e per regolare le future contestazioni, l'altra.

La prima oblazione, relativa ai procedimenti che al 25 maggio non risultavano conclusi con un'ordinanza di ingiunzione, prevede il pagamento dei 2/5 del minimo per la definizione. Per i nuovi procedimenti, invece, l'oblazione prevede il pagamento della metà della sanzione irrogata e l'adeguamento alle prescrizioni impartite dal Garante.

Definizione agevolata

Ma non solo. Il 19 settembre è anche la data che dà il via alla definizione agevolata dei procedimenti sanzionatori per violazioni contemplate da articoli del vecchio codice privacy che ora risultano abrogati. Entro 60 giorni dall'entrata in vigore del decreto 101, infatti, è possibile la definizione agevolata mediante pagamento di 2/5 del minimo di tutte le violazioni che, al 25 maggio 2018, non risultavano ancora definite.

Per le violazioni che nel vecchio regime costituivano reato e che oggi sono invece state declassate a illecito amministrativo si applica la sanzione amministrativa.

Vai alla guida: "GDPR: tutto quello che c'è da sapere"

Leggi anche:

- Decreto privacy in Gazzetta: tutte le novità

- Privacy: da oggi in in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati

- Gdpr: ecco la privacy all'italiana

Codice in materia di protezione dei dati personali integrato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche - Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara
(22/09/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: ecco la bozza
» Cassazione: illegittima la sentenza che liquida solo spese vive senza onorari
» Cassazione: bigenitorialit non vuol dire tempi uguali coi figli
» Legge 104: congedo straordinario anche al figlio non convivente
» RcAuto, pagare a rate non conviene
Newsletter f g+ t in Rss