Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Anche i rider hanno un contratto nazionale

Le associazioni datoriali e i sindacati firmano il Ccnl Logistica Trasporto merci e Spedizione, per i fattorini. L'orario di lavoro sarà flessibile e potrà essere sia full time che part time
fattorino pizza in scooter

di Gabriella Lax - Si vedono sfrecciare in bicicletta o in motorino per le strade del Paese, rapidi e pronti alla consegna di pacchi. Finora senza tutela, avevano manifestato e protestato in tutti i modi: adesso anche i rider, i "fattorini" punto cardine della gig economy, sono stati inquadrati nel Ccnl della logistica, merci e spedizioni, firmato dalle associazioni datoriali e dai sindacati di categoria (Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti).

Leggi anche:

- Caso Foodora: nessun obbligo tra rider e azienda

- Questione rider: più tutele entro il 2018

Rider, cosa stabilisce il contratto nazionale

Grazie al contratto i rider sono inquadrati come "personale viaggiante" con orario super flessibile. Stabilite tutele, salariali, assicurative, previdenziali, tipiche del rapporto subordinato e quelle contrattuali come assistenza sanitaria integrativa e bilateralità.

Potranno lavorare full time o part time, con 39 ore settimanali distribuibili in massimo 6 giorni a settimana e con un minimo giornaliero di 2 ore e fino a un massimo di 8, con la possibilità di coniugare la distribuzione urbana delle merci con il lavoro in magazzino. Le aziende dovranno dotarsi di Dpi (Dispositivi di protezione individuale), come caschi e pettorine catarifrangenti. Istituita inoltre la contrattazione di secondo livello.

Un grande obiettivo se si pensa ai numeri che raccontano di più di 10mila i rider nel Paese che lavorano per le piattaforme di food delivery. Per l'Inps i lavoratori che dipendono da una piattaforma online sono un milione di cui il 10% sarebbero rider e gli altri sono idraulici, traduttori e baby sitter.

I rider sono lavoratori subordinati

E' bene precisare che, il contratto appena concluso stabilisce che i rider sono lavoratori subordinati e non autonomi, come aveva chiarito in modo errato qualche decisione di tribunale. E' naturale «che questi lavoratori non possono scegliere se e quando fare una consegna, e quindi è necessario che abbiano i diritti dei lavoratori subordinati, seppur con ampi margini di flessibilità», evidenzia il Segretario Generale della Uiltrasporti Claudio Tarlazzi e il Segretario Nazionale Marco Odone.

(20/07/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: addio alle udienze inutili
» Le sentenze diventano tascabili
» Autovelox: multe tutte nulle
» L'infortunio in itinere
» Fatturazione elettronica: alcuni punti critici
Newsletter f g+ t in Rss