Sei in: Home » Articoli

Avvocati: record di bocciature all'esame

Il numero di avvocati che non ha passato l'esame di abilitazione 2017/2018 è esorbitante, specie al Sud. Ma resta la possibilità di fare ricorso
avvocato stupito che indossa una toga

di Valeria Zeppilli – Per gli aspiranti avvocati, l'esame di abilitazione 2017/2018 non è stato affatto roseo: specie in alcune città si registra una percentuale di bocciati senza precedenti.

A Napoli ammesso solo il 33%

Il record di bocciati lo detiene Napoli, con una cifra esorbitante: i promossi sono solo 1381, a fronte di 2814 che invece l'esame scritto non lo hanno superato. Insomma, solo il 33% ce l'ha fatta...e manca ancora lo scoglio dell'orale!

Il numero di bocciati è elevato anche in altri distretti di Corte d'Appello, come Caltanissetta (dove i promossi sono il 25%) e Perugia (dove i promossi sono il 39%). Altrove, però, la situazione è diametralmente opposta: a Firenze, ad esempio, le porte del colloquio orale sono aperte per circa il 70% dei candidati.

Possibilità di ricorso al Tar

Se in molti casi la bocciatura è meritata, non mancano invece ipotesi in cui la decisione della commissione di escludere il candidato dalla prova orale risulta viziata.

Chi ritiene di essere stato bocciato ingiustamente ha però un importante rimedio a disposizione: il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale competente per territorio.

Il ricorso è giustificato, ad esempio, se la commissione che ha corretto gli elaborati non è composta secondo i criteri fissati dalla legge, quando non sono stati adeguatamente rispettati i criteri che tutelano l'anonimato e così via.

Accesso ai compiti e termini per ricorrere

Chi intende ricorrere al T.A.R., come prima cosa, deve fare una richiesta di accesso agli elaborati presso la Segreteria della Corte d'appello competente, per visionare i propri compiti e le correzioni che vi sono state apportate.

Il ricorso va quindi proposto, rivolgendosi a uno studio legale, entro 60 giorni dal provvedimenti di inidoneità.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(05/07/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» La chiusura delle indagini preliminari
» WhatsApp, cambiamenti e novità in arrivo
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss