Sei in: Home » Articoli

Personale Forze Armate: criteri per avere l'assegnazione temporanea

Le regole generali dell'istituto dell'assegnazione temporanea, tratte dai più noti principi giurisprudenziali in materia
uomo che protegge bilancia con soldi concetto equo compenso
Avv. Francesco Pandolfi - Prima di addentrarci nell'aspetto specifico relativo all'applicabilità dell'art. 42 bis d. lgs. n. 151/01 al mondo militare, vale la pena ricordare la regola di fondo che disciplina l'istituto, ideato per una più efficace protezione della famiglia con prole.
Il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l'altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L'eventuale dissenso va motivato e limitato a casi o esigenze eccezionali; l'assenso o il dissenso devono essere comunicati all'interessato entro trenta giorni dalla domanda.

  1. Anche le Forze Armate e di Polizia beneficiano della norma
  2. In che cosa consiste il beneficio
  3. Come superare i motivi ostativi dell'amministrazione

Anche le Forze Armate e di Polizia beneficiano della norma

Il solco giurisprudenziale, specie amministrativo, ormai è tracciato: una lettura estensiva dell'art. 1493 del codice ordinamento militare ci dice che la disposizione dell'art. 42 bis vale anche per il personale delle Forze Armate e delle Forze di polizia.
La portata di questo particolare istituto è stata analizzata mediante il paziente lavoro interpretativo della magistratura amministrativa di primo e secondo grado, giungendo a ripetute affermazioni del criterio in diverse sentenze che hanno chiuso favorevolmente i processi a favore dei militari ricorrenti, i quali si erano visti negare il beneficio.

In che cosa consiste il beneficio

L'art. 42 bis da la possibilità al pubblico dipendente, con un figlio di età inferiore a tre anni, di chiedere l'assegnazione ad una sede di servizio nella stessa provincia o regione nella quale l'altro genitore esercita la propria attività lavorativa.
C'è sempre stato un acceso dibattito sulla natura di questo beneficio; la discussione in dottrina si è sviluppata sulla possibilità di etichettarlo come un vero e proprio diritto del dipendente.
Diciamo che, anche dopo la novella operata dall'art. 14 co. 7 L. n. 124/2015, esso non costituisce un diritto incondizionato, ma rimane rimesso ad una valutazione relativamente discrezionale dell'amministrazione (militare) ed è soggetto ad una doppia condizione: la disposizione lo consente subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e di destinazione.

Come superare i motivi ostativi dell'amministrazione

Dopo la modifica del 2015 dell'art. 42 bis D. Lgs. 151/01, non è consentito che le semplici difficoltà organizzative dell'amministrazione (carenza di organico) rappresentino motivi ostativi al riconoscimento del beneficio.
Infatti l'istituto è stato introdotto per una più efficace tutela dei minori: si tratta in pratica di una norma che fa da schermo e protezione a valori essenziali di respiro costituzionale, per cui eventuali limitazioni o restrizioni nella relativa applicazione vanno espressamente e congruamente motivate.
Anzi, di più: il dissenso delle amministrazioni di provenienza e di destinazione deve essere limitato a casi o ad esigenze eccezionali, comprovanti l'indispensabilità e/o l'insostituibilità delle funzioni svolte dal dipendente per le esigenze organizzative dell'amministrazione (che ne risentirebbe, teoricamente, fino ad arrivare ad un vero e proprio pregiudizio).

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(22/06/2018 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Newsletter f g+ t in Rss