Sei in: Home » Articoli

Vittime del dovere: sui ricorsi decide il giudice ordinario

Il Tar Lazio aderisce all'orientamento della Corte di Cassazione in materia di giurisdizione sul riconoscimento dello status di vittima del dovere
giudice che regge bilancia simbolo di giustizia
Avv. Francesco Pandolfi - Sui ricorsi delle vittime del dovere decide il giudice ordinario. E' quanto emerge dalla recente sentenza del Tar Lazio n. 6317/2018. Nella vicenda, il Ministero dell'Interno viene chiamato in causa, davanti al Tar, per rispondere del proprio decreto con il quale ha rigettato un'istanza tesa ad ottenere i benefici previsti dalle norme in materia di vittime del dovere.

La soluzione del Tar

Il dubbio che affiora in questo processo è il seguente: a quale giudice appartiene la giurisdizione sul riconoscimento dello status di vittima del dovere?
Ebbene, la risposta al quesito viene dall'orientamento impresso nel 2016 dalle Sezioni Unite della Cassazione.
In effetti, stando alla sentenza n. 23300 del 16 novembre 2016 della Suprema Corte, la giurisdizione va accordata al giudice ordinario e non al giudice amministrativo.

I perchè della sentenza

Fatte le brevi premesse sopra esposte, passiamo ad elencare i principali motivi per cui il Tar Lazio opta per questa soluzione:

1) punto di partenza è la sentenza della Corte di Cassazione Sez. Unite 16.11.2016 n. 23300,
2) la materia è stata totalmente ripensata per effetto di questa sentenza spartiacque,
3) prima si riteneva "esclusiva" la giurisdizione amministrativa, dopo è stata ritenuta appartenente al giudice ordinario (giudice del lavoro),
4) il punto chiave è che si tratta di diritti soggettivi e non di interessi legittimi,
5) questi particolari diritti vanno al di là del rapporto di lavoro subordinato dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche,
6) questi diritti possono riguardare anche persone che non abbiano un rapporto di lavoro subordinato, ma abbiano in qualsiasi modo svolto un servizio,
7) il diritto ha natura assistenziale ed ha come scopo quello di dare ausilio a chi abbia subito un'infermità o la perdita di una persona cara a causa della prestazione di un servizio in favore di amministrazioni pubbliche da cui siano derivati particolari rischi,
8) il concetto di vittima del dovere è esteso ad un'ampia categoria di soggetti, ad esempio dipendenti pubblici deceduti o che abbiano subito un'invalidità permanente in attività di servizio o nell'espletamento delle funzioni di istituto per effetto diretto di lesioni riportate in conseguenza di eventi verificatisi nel contrasto alla criminalità, nello svolgimento di servizi di ordine pubblico, nella vigilanza ad infrastrutture civili e militari, in operazioni di soccorso, in attività di tutela della pubblica incolumità, a causa di azioni recate nei loro confronti in contesti di impiego internazionale non aventi, necessariamente, caratteristiche di ostilità.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avv.francesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(11/06/2018 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Separazione: la carta dei diritti dei figli
» Il mobbing del datore di lavoro può far scattare il reato di lesioni
» Pace fiscale e rottamazione-ter: come saranno?
» Il danno da gaslighting
» Pensioni in aumento dal 2019 ma per le minime solo briciole

Newsletter f g+ t in Rss