Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Lavoro: il contratto di somministrazione

In cosa consiste il contratto di somministrazione nell'ambito del diritto del lavoro e analisi della distinzione tra lo stesso ed il distacco
affissioni di avvisi in bacheca lavoro
di Chiara Ruggiero - Il contratto di somministrazione di lavoro è stato introdotto con il Pacchetto Treu 196/97, che ha disciplinato il lavoro interinale in generale.
Prima di questa previsione normativa all'interno del nostro sistema giuridico, non era possibile la triangolazione lavoratore-agenzia di somministrazione-datore di lavoro nel rapporto di lavoro.
La riforma (legge Biagi del 2003) ha reso legittimo l'utilizzo di questa triangolazione.

  1. Lavoro: in che cosa consiste la triangolazione
  2. Qual è l'oggetto del contratto di somministrazione?
  3. Chi paga il lavoratore somministrato?
  4. Come può essere il contratto di somministrazione?
  5. Come deve essere redatto il contratto di somministrazione?
  6. Tutela dei lavoratori somministrati
  7. Qual è la differenza tra il contratto di somministrazione e il distacco?

Lavoro: in che cosa consiste la triangolazione

Un'agenzia di somministrazione, che deve essere costituita secondo specifici requisiti e garanzie previste da leggi e autorizzata dal ministero, assume dei lavoratori, per poi trasferirli ad altri datori di lavoro che prendono il nome di utilizzatori.
Questa tipologia contrattuale viene detta particolare perché: vi è un primo contratto di diritto commerciale che viene stipulato tra l'agenzia di somministrazione e l' utilizzatore, ed un secondo contratto di subordinazione per somministrazione tra l'agenzia ed il lavoratore.

Qual è l'oggetto del contratto di somministrazione?

L'oggetto del contratto di somministrazione è la fornitura di lavoro presso altri.

Chi paga il lavoratore somministrato?

Il lavoratore somministrato non viene pagato dall'utilizzatore, ma dall'agenzia di somministrazione, in quanto questi lavoratori sono iscritti nel libro libro paga dell'agenzia.

Come può essere il contratto di somministrazione?

Il contratto di somministrazione può essere sia:
- a tempo determinato
- a tempo indeterminato

Il contratto di somministrazione a tempo determinato

Questa tipologia contrattuale è molto flessibile in quanto viene scelta per lavori dalla breve durata (2/3 mesi).
Questo tipo di contratto può essere prorogato per 36 mesi, dopo di che l'utilizzatore potrà assumere a tutti gli effetti il lavoratore, se le circostanze lo consentano.

Il contratto di somministrazione a tempo indeterminato

La somministrazione di lavoro a tempo indeterminato funziona come i normali contratti di lavoro a tempo indeterminato. Non sarà possibile, per l'agenzia utilizzatrice assumere un numero di lavoratori somministrati che supera il 20% dei propri lavoratori dipendenti.

Come deve essere redatto il contratto di somministrazione?

Questo particolare rapporto lavorativo deve essere redatto in forma scritta ad substantiam.
E' un contratto a forma vincolata, al suo interno deve indicare gli estremi dell'agenzia, i lavoratori o lavoratore, ed il loro numero, data d'inizio e di fine della somministrazione e soprattutto le mansioni che i lavoratori andranno a svolgere presso l'utilizzatore ed infine il trattamento economico e normativo.

Tutela dei lavoratori somministrati

I lavoratori somministrati hanno diritto di parità di trattamento economico uguale a quella dei dipendenti del lavoratore presso il quale sono andati a lavorare. Vi è un richiamo all' art 35 co. 1 Cost.: La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni". In mancanza di forma scritta il contratto di somministrazione di lavoro è nullo e i lavoratori sono considerati a tutti gli effetti alle dipendenze dell'utilizzatore.

Qual è la differenza tra il contratto di somministrazione e il distacco?

Il distacco viene qualificato come un'ipotesi di somministrazione, in cui comunque vi è un rapporto triangolare, ma che si distingue dalla somministrazione perché il distaccante presta i suoi lavoratori ad altro soggetto temporaneamente per soddisfare un proprio interesse, per l' esecuzione di una determinata attività lavorativa. Invece, le agenzie di somministrazione forniscono personale in quanto è il loro lavoro.
(14/04/2018 - Chiara Ruggiero ) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» L'avvocato non può accettare compensi esigui
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi