Sei in: Home » Articoli

La responsabilitÓ da prodotto difettoso nel settore alimentare

Il rapporto tra la responsabilitÓ civile da prodotto difettoso e le peculiaritÓ del settore alimentare
forchetta e bilancia concetto diritto alimentare

di Elio Palumbieri - In ambito giuridico la responsabilitÓ viene sempre qualificata con un aggettivo: civile, penale, amministrativa. In questa sede, analizzeremo la responsabilitÓ civile c.d. da prodotto difettoso nel settore degli alimenti.

Il prodotto difettoso nel Codice del consumo

La definizione di prodotto difettoso Ŕ rinvenibile all'art. 6 della Dir. 85/374, recepita nel nostro ordinamento prima nel D.P.R. 224/88 e dopo nel Codice del Consumo: "1. Un prodotto Ŕ difettoso quando non offre la sicurezza che ci si pu˛ legittimamente attendere tenuto conto di tutte le circostanze, tra cui: a) il modo in cui il prodotto Ŕ stato messo in circolazione, la sua presentazione, le sue caratteristiche palesi, le istruzioni e le avvertenze fornite; b) l'uso al quale il prodotto pu˛ essere ragionevolmente destinato e i comportamenti che, in relazione ad esso, si possono ragionevolmente prevedere; c) il tempo in cui il prodotto Ŕ stato messo in circolazione. 2. Un prodotto non pu˛ essere considerato difettoso per il solo fatto che un prodotto pi¨ perfezionato sia stato in qualunque tempo messo in commercio. 3. Un prodotto Ŕ difettoso se non offre la sicurezza offerta normalmente dagli altri esemplari della medesima serie".

La posizione di garanzia

La responsabilitÓ civile deriva dalla c.d. posizione di garanzia: chi occupa un posto, ricopre un incarico, svolge una funzione, esegue una prestazione, assume responsabilitÓ strettamente connesse alla funzione di garanzia che l'ordinamento attribuisce a quel determinato posto, incarico, funzione, prestazione. Il meccanismo che innesca la responsabilitÓ, pertanto, si instaura a seguito del verificarsi di una fatto -di derivazione contrattuale o da illecito extracontrattuale- potenzialmente produttivo di un danno. Nel caso di prodotti alimentari, in particolare, la posizione di garanzia Ŕ rinvenibile all'art. 17 del REG. CE 178/2002 il quale prevede che:

"Spetta agli operatori del settore alimentare e dei mangimi garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti o i mangimi soddisfino le disposizioni della legislazione alimentare inerenti alle loro attivitÓ in tutte le fasi della produzione, della trasformazione e della distribuzione e verificare che tali disposizioni siano soddisfatte".

Nel settore alimentare, quindi, la posizione di garanzia Ŕ rivestita dall'OSA, persona fisica o giuridica cui, nell'impresa alimentare sottoposta al suo controllo, Ŕ affidato il compito (e la responsabilitÓ) di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare e, nello specifico, di verificare il rispetto di tutti i requisiti di sicurezza degli alimenti.

I difetti riscontrabili negli alimenti

La responsabilitÓ per prodotto difettoso, in particolare, sorge non solo nel caso di difetti intrinseci del prodotto (difetti di produzione) ma anche nel caso di carenza di informazioni (come nel caso della mancata segnalazione di alimenti o ingredienti che provocano allergie o intolleranze).

Onere probatorio

In caso di contenzioso connesso a responsabilitÓ da prodotto difettoso, l'onere probatorio Ŕ posto in capo all'attore: questi, infatti, deve provare il danno subito, la difettositÓ del prodotto e il nesso causale. Non Ŕ necessario provare la colpa del danneggiante ľ elemento, invece, caratteristico della responsabilitÓ extracontrattuale -; tale "esenzione" da un lato agevola l'accesso alla giustizia da parte del danneggiato e, dall'altro, semplifica l'indagine ponendo al centro del rapporto non il soggetto danneggiante ma il prodotto difettoso.

E' il caso di sottolineare che, stranamente, la responsabilitÓ da prodotto difettoso non Ŕ stata per lungo tempo applicata nel nostro paese in relazione agli alimenti non trasformati. Soltanto nel 1999, a seguito della diffusione della encefalopatia spongiforme bovina meglio nota come "morbo della mucca pazza", tali prodotti sono stati sottoposti alla disciplina di cui direttiva 85/374.

Dott. Elio Enrico Palumbieri

ep@studiolegalepalumbieri.it

Tel: 3203427622

skype: eliopalumbieri

Linkedin: it.linkedin.com/in/eliopalumbieri

Facebook: facebook.com/eliopalumbieri

Instagram: @eliopalumbieri

(11/04/2018 - Dott.Elio Enrico Palumbieri) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Quando andremo in pensione con la riforma?
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Decreto dignitÓ in vigore da oggi

Newsletter f g+ t in Rss