Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Ue: arrivano 30 milioni per frutta e latte a scuola

Per l'anno scolastico 2018-2019 prevista la distribuzione di prodotti alimentari per gli studenti e per la realizzazione di progetti di educazione ad una sana alimentazione
bambini che mangiano a scuola un panino

di Gabriella Lax - Sono in arrivo dall'Unione europea circa 30 milioni di euro per la distribuzione di prodotti alimentari agli studenti e per la realizzazione di progetti di educazione a una sana alimentazione nell'ambito del programma europeo "Frutta e latte e nelle scuole".

Il nuovo programma per la distribuzione di frutta, verdura e latte nelle scuole, che era stato vagliato lo scorso agosto, per trovare attuazione essere attuato in tutta l'Unione europea sin dal primo giorno dell'anno scolastico 2018/2019. A disposizione 250 milioni di euro, dei quali oltre 30 milioni per il nostro Paese.

L'entitą del finanziamento e ratio

Circa 21 milioni e 704.956 euro serviranno per la distribuzione di frutta e verdura e 9 milioni e 261.220 euro per la distribuzione di latte e prodotti lattiero-caseari, per un totale di 30 milioni e 966.176 euro.

In scala, per l'entitą dei finanziamenti, l'Italia č preceduta dalla Germania, con circa 36,7 milioni di contributi europei e dalla Francia, a quota 35 milioni.

Ratio del programma č promuovere abitudini alimentari sane tra i bambini, da qui l'inclusione di frutta, verdura e prodotti lattiero-caseari, ma anche specifiche azioni educative per comunicare ai bambini ed ai ragazzi l'importanza di una buona alimentazione.

La programmazione sintetizza i progetti esistenti, di cui oltre 20 milioni di bambini hanno beneficiato l'anno scorso. La partecipazione č facoltativa, ma tutti gli Stati membri hanno aderito all'iniziativa.


(26/03/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'č stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invaliditą: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignitą


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss