Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: nessun risarcimento se vi erano poche chances di sopravvivenza del neonato

Per la Cassazione, a prescindere dalle incongruenze sugli orari del tracciato cardiotocografico, non rispondono del loro operato i medici che hanno messo in guardia i genitori e non potevano agire diversamente
Madre in stato interessante

di Valeria Zeppilli – Se le chances di sopravvivenza del neonato erano poche o, addirittura, vi era la certezza che il feto sarebbe deceduto, i medici non possono essere chiamati a rispondere nei confronti dei genitori delle gravi patologie con le quali è venuto alla luce il loro figlio.

Tale conclusione emerge dalla sentenza numero 7251/2018 della Corte di cassazione (qui sotto allegata), che ha rigettato tutti i motivi di ricorso di un uomo e una donna che avevano agito in giudizio per ottenere il risarcimento dei danni patiti a seguito della presunta "errata, negligente ed imperita" assistenza al parto e alla nascita di loro figlio, cui era conseguita in capo a quest'ultimo una grave encefalopatia con idrocefalo e tetra paresi spastica.

La vicenda

La pronuncia in commento, infatti, così disponendo ha confermato la decisione del giudice del merito di negare il risarcimento del danno considerando che, pur date per buone le incongruenze della c.t.u. agli atti in ordine agli orari del tracciato carditoecografico del piccolo, una simile circostanza non assume alcuna rilevanza ai fini della dimostrazione della responsabilità dei sanitari.

Infatti, nonostante tali incongruenze, resta comunque il fatto che la donna, nel caso di specie, era stata visitata da due medici che, in rapida successione, avevano rilevato un quadro di brachicardia fetale che, se fosse perdurata per un determinato arco temporale, avrebbe ridotto al minimo le chances di sopravvivenza del neonato o, addirittura, avrebbe dato la certezza che il feto sarebbe deceduto.

Disattesi per diverse ragioni tutti i motivi di ricorso dei genitori, la Cassazione ha di fatto confermato la sentenza del giudice dell'appello: se i genitori sono stati messi in guardia sulle problematiche del feto e i medici non potevano far nulla per impedire l'evento, nessun risarcimento per responsabilità medica può essere disposto.

Corte di cassazione testo sentenza numero 7251/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(27/03/2018 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Danno parentale: la nuova tabella di Milano
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi
» Le indagini del pubblico ministero
» Praticanti avvocati: da settembre le nuove regole
» Affido materialmente condiviso: una grossa opportunità per i nostri figli

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss